x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Amer 94, silenzio si naviga

10 settembre 2017
  • Salva
  • Condividi
  • 1/14
    Primo superyacht ad adottare i Volvo Penta Ips 1.200, Amer 94’ raggiunge una velocità doppia rispetto
    a uno scafo dislocante a parità di consumi. A questo si aggiunge una netta diminuzione di rumorosità, vibrazioni ed emissioni per il massimo comfort a bordo

    L’introduzione sul mercato dei Volvo Ips 1200 ha aperto le porte all’applicazione di questo interessante sistema di propulsione anche alle elevate potenze e il nuovo Amer 94’ nella versione con tre Ips 1.200, studiato e ottimizzato proprio per sfruttare i vantaggi della propulsione svedese, rappresenta una vera novità tra le unità al limite dei 100’.

    Lo yacht è disponibile anche con le trasmissioni tradizionali e motori Cat C32 Acert da 1.825 cv e Man 12V 1.800, ma la vera originalità è che, pur prendendo origine dal precedente Amer 92’ ed essendo simile alle versioni del 94’ con linea d’asse, il modello con gli Ips è nella sostanza una barca innovativa. Si tratta, infatti, del frutto di uno studio che intende offrire caratteristiche dinamiche, di manovrabilità, di comfort in navigazione e spazi abitativi non raggiungibili con le linee d’asse e la prova in navigazione che abbiamo effettuato allo scorso salone di Cannes ci ha convinti che l’obiettivo è stato raggiunto.

    Considerando che il costo degli Ips è superiore a quello dei sistemi tradizionali, il cantiere ha comunque mantenuto il prezzo al pubblico delle versioni con motori a linea d’asse.
    Visto che tutti conosciamo la facilità con cui si manovrano le barche con Ips e joystick, evoluire con un 94’ tra gli yacht che affollano le acque del porto francese spostandosi solo dove e quanto si vuole è una grande sensazione!

    In navigazione la rumorosità e le vibrazioni sono decisamente contenute, ma ciò che più colpisce è verificare l’efficienza degli Ips sia alla massima velocità che a crociera economica, condizioni in cui si ottengono risparmi sui consumi variabili tra il 40 e il 20 per cento. Nei regimi intermedi questi vantaggi si riducono e la media generale si può valutare in circa il 20 per cento, ma resta notevole la riduzione di rumorosità e, di conseguenza, il miglior comfort offerto.

    Sul piano dell’autonomia, sempre comparando i sistemi di trasmissione, i consumi più contenuti e il minor peso del sistema Ips permettono di ridurre in modo significativo la quantità di combustibile trasportato a parità di miglia percorse o, in alternativa, mantenendo la massima capacità di carico, di aumentare il range di navigazione. Per quanto attiene all’attenzione per l’ambiente, si è stimato che minori consumi ed elevata efficienza comportino emissioni di CO2 ridotte del trenta per cento.

    Novità interessanti sono legate ai nuovi layout e dimensioni della sala macchine in quanto, rispetto a un allestimento tradizionale, il locale che ospita gli Ips, pur alloggiando tre motori, necessita di un volume più contenuto di quello tradizionale.
    Il vantaggio si è concretizzato nelle dimensioni della cabina armatoriale e nel garage del tender, disegnato su questa versione per ospitare un tender TB400 con motore Honda BF40 lungo quattro metri.

    I dati

    Lungh.f.t. (con pedana di poppa) m 28,65
    Lunghezza scafo m 23,96
    Larghezza massima m 6,30
    Immersione max con eliche m 1,85
    Dislocamento a mezzo carico t 64
    Serbatoi acqua lt 1.800
    Cabine 4
    Bagni 4
    Equipaggio 3
    Cabine equipaggio 2+1 bagno
    Motori3x Volvo Penta Ips 1200
    Carburante lt 7.000
    Velocità max 30 nodi
    Velocità di crociera 26 nodi
    ProgettoUfficio tecnico cantiere
    Design esterno e internoPermare

    INDIRIZZI
    Permare, Portosole - Sanremo (IM),
    tel. 0184 504050, www.ameryachts.it

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta