x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

ARC, bene le italiane dopo 3 giorni di navigazione

25 novembre 2015
  • Salva
  • Condividi
  • 1/20
    Dopo tre giorni di navigazione la flotta inizia a sgranarsi e il mare a farsi meno fastidioso. Ottimo il ritmo delle barche italiane, al rilevamento delle 8:00 del 25 novembre Durlindana 3 di Giancarlo Gianni è terza del Gruppo A della Racing Division

    Arc, bene le italiane dopo 3 giorni di navigazione

    Vento forte e onde di oltre due metri a largo di Las Palmas, a Gran Canaria in Spagna, per la partenza della 30ima edizione della Arc, l’Atlantic Rally for Cruisers. Le previsioni davano anche pioggia, che per fortuna non ha infierito sugli equipaggi già provati dalla condizioni del meteo.

     

    Ora, dopo tre giorni di navigazione, la flotta inizia a sgranarsi e il mare a farsi meno fastidioso. Ottimo fino a ora il ritmo delle barche italiane, al rilevamento delle 8:00 del 25 novembre Durlindana 3 di Giancarlo Gianni è addirittura terza del Gruppo A della Racing Division, dietro solo al “mostro” Team Brunel, il VO65 olandese che ha partecipato alla scorsa Volvo Ocean Race e al Pogo 40 svedese Talanta di Mikael Ryking. Bene anche Duffy, il Dufour 34 Performance di Enrico Calci, quarto del Gruppo B delle Racing Division.

     

    Le altre sono iscritte nella categoria Cruising o Multiscafi: il Bavaria 38 My Dream di Claudio Regini, lo Swan 56 Why Not di Fabio Scalzi, l’Océanis 50 Y2K di Max Terragni e Alessandra Grech, il Baltic 38 Obelix di Alberto Rizzotti e il Judel&Vrolijk Kleronia di Fabio Rosciglione. Tutti hanno tenuto una rotta a sud di quella ortodromica e navigano bene nella parte anteriore della flotta. Molto bene anche il Lagoon 52 Zenaide di Flavia Robiolio e Daniele Patania.

     

     È possibile seguire ora per ora l’andamento della regata grazie al fleet viewer sul sito della Arc. 

     

    https://www.worldcruising.com/index.aspx

     

     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta