x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Cambio di proprietà? Si farà in un giorno

9 settembre 2014
Cambio di proprietà? Si farà in un giorno
Vediamo le innovazioni più significative del registro telematico

Cambio di proprietà? si farà in un giorno

Non appena il sistema telematico centrale della nautica da diporto verrà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale sarà una grande conquista per la nautica da diporto nazionale che potrà finalmente sciogliersi dai legacci di una burocrazia obsoleta e inefficiente, dotandosi di un sistema amministrativo moderno, più economico e sollecito.

Vediamo le innovazioni più significative:

i vecchi sistemi d’immatricolazione e gestione amministrativa delle imbarcazioni cartacei (rimane obbligatoria la targa per le unità sopra i 10 metri di lunghezza scafo) saranno sostituiti da un unico “Ufficio d’iscrizione informatico” del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti verso cui convoglieranno i dati tecnici e giuridici delle imbarcazioni e navi da diporto.

 

Gli Uffici dell’autorità marittima e della motorizzazione che detengono il Rid, il registro delle imbarcazioni da diporto, e le Capitanerie presso cui sono iscritte le navi, non avranno più funzione “amministrativa” nel diporto ed entro tre anni dalla data di pubblicazione del DPR in questione, dovranno aver trasferito tutte le informazioni relative alle barche da loro immatricolate.

 

Le barche di nuova iscrizione accederanno sin da subito al nuovo sistema telematico; quelle già immatricolate, potranno essere iscritte – senza dover aspettare fino a tre anni - al SISTE dietro richiesta.

 

Cambieranno anche le targhe: per le unità nuove si prevede l’attribuzione di un codice alfanumerico (quattro lettere e quattro numeri) generato dal centro elaborazione dati su base nazionale. Saranno consentite targhe “personalizzate” (rispettando il criterio di base dei caratteri alfanumerici) se non già utilizzate e non risultino contrarie all’ordine e alla moralità pubblica o al buon costume; le unità già immatricolate potranno conservare la vecchia targa (che sarà preceduta dalla lettera “X”).

 

• A prescindere dalla rapidità con cui si potrà procedere all’immatricolazione della propria imbarcazione anche gli “aggiornamenti” della licenza di navigazione e del certificato di sicurezza seguiranno procedure snelle e improntate all’immediata risoluzione della pratica. E’, infatti, istituito lo “Sportello Telematico del Diportista” – STED – gestito dalle Capitanerie di porto e gli uffici circondariali marittimi e dagli uffici della motorizzazione, ma anche dalle imprese e le società che svolgono attività di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto, cioè dalle “agenzie auto-nautica”, che saranno appositamente abilitate e che potranno pure autenticare le firme nei passaggi di proprietà.

 

Sarà lo STED, a rilasciare la licenza di navigazione, procedendo anche agli aggiornamenti (cambio proprietà, residenza, ecc.), mediante specifici tagliandi. Svolgerà anche le procedure riguardanti il rilascio, rinnovo e convalida del certificato di sicurezza e del certificato di idoneità al noleggio e quelle per l’autorizzazione alla navigazione temporanea e per il rilascio della licenza provvisoria.

 

Tanto per fornire un’idea dell’efficienza di cui presto ci gioveremo, si stima che un passaggio di proprietà di un’imbarcazione potrà avvenire, con i documenti in ordine, in una sola giornata.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta