CNB 66, la prova tra Marsiglia e Cannes

19 May 2018
Esaltante navigazione tra Marsiglia e Cannes con vento a oltre 30 nodi con “surfate” sulle onde a 16. Una barca semi custom con quattro cabine, tender garage e vista panoramica dal salone. Il prezzo è uno dei punti di forza

Una prova di quelle da ricordare. Due giorni a bordo, 100 miglia percorse (da Marsiglia a Cannes, in Francia) e un maestrale che ha soffiato sempre più intenso, superando con abbondanza i 30 nodi. Abbiamo lasciato il porto di Marsiglia con aria e mare in crescita e appena passato Cap Croisette il maestrale è entrato deciso. Le prime miglia le abbiamo navigate - con randa e genoa pieni - di bolina larga toccando velocità intorno ai 9 nodi.

Nonostante avessimo tenuto la barca un po’ sovrapotenziata, si è sempre dimostrata tranquilla e precisa al timone. Appena abbiamo poggiato qualche grado la doppia cifra sul log è diventata la norma e il CNB 66 ha messo in mostra tutta la sua potenza. Via via che mare e vento si gonfiavano, mantenere la concentrazione non solo diventava importante, ma anche impegnativo. La carena larga e la doppia pala del timone hanno aiutato parecchio a stabilizzare la rotta, tanto che impegnati come eravamo a dare la caccia “alla top speed” (16 nodi e rotti) abbiamo continuato a rimandare il momento di prendere la mano di terzaroli e ridurre il fiocco, fino a quando non è stata la barca a “chiedercelo” con una straorzata sotto una raffica potente di ben oltre 35 nodi.

In navigazione

CNB 66, la prova tra Marsiglia e Cannes

Con la trinchetta autovirante al posto del genoa e la randa con una mano abbiamo rinunciato a un paio di nodi di velocità, ma la navigazione è tornata a essere più rilassante. Il CNB 66 si è dimostrato una gran barca per la crociera, bella e concreta, fatta per navigare veloce e manovrare bene. Abbiamo apprezzato che il cantiere abbia costruito una barca “trendy”, ma senza mai rinunciare alla marinità. Ad esempio, il pozzetto è largo, come la maggior parte delle imbarcazioni di oggi, ma ha buoni punti di appoggio sia per il timoniere sia per chi lavora al winch centrale della randa e ai due laterali. In coperta ci si muove sempre in modo sicuro (mancavano i poggiapiedi al timone, ma solo perché l’armatore - i CNB sono barche semi-custom - ancora non aveva deciso come posizionarli). Il piano velico è generoso, pensato per una barca che vuole correre, ma non esagerato; sul 66 del nostro test la randa steccata era avvolgibile nel boma (il motore idraulico dell’avvolgitore è stato sviluppato dal cantiere insieme a Hall Spars) che come l’albero era in carbonio (optional).

Gli interni

CNB 66, la prova tra Marsiglia e Cannes

Sottocoperta uno solo è il layout con quattro cabine doppie: tre sono a prua e una a poppa con accesso dalla cucina. Il salone è sopraelevato e nonostante la tuga sia compatta è luminosissimo (scenografiche le ampie finestrature a scafo) e con altezze ottime. Stivaggio oversize, oltre a gavoni sotto ai divani, armadi e molti cassetti e stipetti, sono sfruttati anche gli spazi nei gradini e ovunque possibile. Il 66 è la versione compatta del 76, viste separatamente quasi non si distinguono, se non fosse che il 66 ha il bompresso. Ma, lunghezza a parte, la differenza tra le due è che il 66 è stato pensato per essere gestito con tranquillità anche da una coppia, senza marinaio, cosa molto apprezzata all’estero. Il successo è arrivato subito: presentato al salone di Cannes 2017, sono già 11 gli esemplari venduti (di cui 8 sulla carta) in tutto il mondo. Complice anche il costo per un 20 metri di lusso (prezzo base 1.390.000 euro Iva esclusa).

Compra il PDF della prova!

La prova completa con tutti i dati di navigazione è stata pubblicata nel numero di febbraio 2018 ed è possibile acquistarla seguendo questo link

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags

Sposta