Garmin Reactor 40 l’autopilota facile da installare

12 gennaio 2018
di Alberto Mariotti
Garmin Reactor 40 l’autopilota facile da installare
Dedicato a barche a vela e a motore, l’autopilota Garmin Reactor 40 è dotato di bussola allo stato solido a 9 assi e di un sistema di riferimento AHRS cheriduce gli errori di deviazione e rotta

Dedicato a barche a vela e a motore, l’autopilota Garmin Reactor 40 è dotato di bussola allo stato solido a 9 assi e di un sistema di riferimento AHRS (Attitude Heading Reference System) per ridurre gli errori di deviazione e rotta e quindi i movimenti e il consumo del timone.

Tra i punti di forza: la facilità d’installazione grazie alla forma quadrata del sensore angolare. Se dotata del sistema Garmin Shadow Drive basta intervenire sulla ruota per disattivare il pilota automatico (di solito, per passare in modalità manuale si preme il pulsante stand-by), funzione utile quando si cambia rotta all’improvviso. L’autopilota viene riattivato quando si mantiene una rotta stabile.
I Reactor 40 si controllano dal display dedicato GHC 20 o dai chartplotter Garmin. È possibile così sfruttare la funzione Auto Guidance 3.0 per il calcolo automatico della rotta.

http://www.garmin.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta