x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Italia Yachts 9.98 fuoriserie

20 luglio 2016
  • Salva
  • Condividi
  • 1/15
    È il frutto di un lavoro di progettazione sopraffino tanto nella funzionalità quanto nell’estetica. Veloce e vincente in regata, si adatta facilmente anche a brevi crociere

    Italia yachts 9.98 fuoriserie

    Pur con elevate qualità nautiche e prestazioni veliche eccellenti, tutte le barche marchiate Italia Yachts hanno sempre avuto un’indiscussa destinazione crocieristica, perciò l’arrivo del 9.98 è un fulmine a ciel sereno. Si tratta di una barca da regata che si pone al di fuori di tutti i canoni stilistici e funzionali che hanno decretato il successo dei modelli del marchio italiano. Con il suffisso Fuoriserie ad accompagnare la sigla che ne identifica la lunghezza dello scafo, Italia Yachts nomina i modelli che si svincolano dalla normale produzione e seguono le specifiche dall’armatore: il 9.98 è figlio di questo processo ed è un’ulteriore dimostrazione delle potenzialità del cantiere.

     

    Il risultato è un 10 metri che ha carattere da vendere, sia a livello estetico sia a livello funzionale e di contenuti innovativi; è un racer eccellente, dedicato alle regate a compenso ORC e IRC, eppure si presta anche a un utilizzo in brevi crociere grazie a interni funzionali e ben studiati. L’esemplare della prova ha raccolto in una sola stagione di regate un lungo e glorioso palmarès che contempla, tra gli altri, il titolo di campione del mondo ORC 2015. Ha la chiglia realizzata a controllo numerico, boma in fibra di carbonio e vele 3DL di North Sails.

     

    INTERNI

    Nonostante la configurazione di coperta tipica di un’imbarcazione votata all’utilizzo in regata, quindi con pozzetto grande e tuga stretta e affilata, gli ambienti interni sono ben pensati e sfruttano pienamente tutti i volumi disponibili. Un risultato importante, che si manifesta con un allestimento semplice, ma comfortevole ed ergonomico: i passaggi non sono mai troppo angusti, le altezze interne sono sufficienti a muoversi con disinvoltura e il disimpegno ai piedi della scala offre spazio sufficiente ad accedere agevolmente a cucina, carteggio e cabina.

     

    Le superfici sono tutte finite a gelcoat a garanzia di una maggior resistenza rispetto a pannellature laccate o impiallacciate; a scaldare l’ambiente ci sono cornici e inserti in legno massello, pagliolato in compensato marino finito in laminato di colore a scelta, le porte di bagno e cabina di poppa hanno soglie con cornici in alluminio per aumentare la resistenza all’uso sportivo e ci sono armadi e stipetti in tessuto così da essere smontabili per ridurre il peso in regata.

     

    La suddivisione è tradizionale, con una cabina separata a poppa e una cuccetta doppia a prua, un bagno e, nel quadrato dinette, cucina e carteggio. Abbiamo apprezzato diverse soluzioni, dal carteggio sufficientemente grande e dotato di un quadro elettrico funzionale, fino al robusto tavolo con telaio in tubolari di acciaio che contiene le ante quando abbattute, così da occupare poco spazio in larghezza.

     

    NAVIGAZIONE

    Nonostante la configurazione di coperta tipica di un’imbarcazione votata all’utilizzo in regata, quindi con pozzetto grande e tuga stretta e affilata, gli ambienti interni sono ben pensati e sfruttano pienamente tutti i volumi disponibili. Un risultato importante, che si manifesta con un allestimento semplice, ma comfortevole ed ergonomico: i passaggi non sono mai troppo angusti, le altezze interne sono sufficienti a muoversi con disinvoltura e il disimpegno ai piedi della scala offre spazio sufficiente ad accedere agevolmente a cucina, carteggio e cabina.

     

    Le superfici sono tutte finite a gelcoat a garanzia di una maggior resistenza rispetto a pannellature laccate o impiallacciate; a scaldare l’ambiente ci sono cornici e inserti in legno massello, pagliolato in compensato marino finito in laminato di colore a scelta, le porte di bagno e cabina di poppa hanno soglie con cornici in alluminio per aumentare la resistenza all’uso sportivo e ci sono armadi e stipetti in tessuto così da essere smontabili per ridurre il peso in regata. La suddivisione è tradizionale, con una cabina separata a poppa e una cuccetta doppia a prua, un bagno e, nel quadrato dinette, cucina e carteggio.

     

    Abbiamo apprezzato diverse soluzioni, dal carteggio sufficientemente grande e dotato di un quadro elettrico funzionale, fino al robusto tavolo con telaio in tubolari di acciaio che contiene le ante quando abbattute, così da occupare poco spazio in larghezza.

     

    I dati

    Lunghezza f.t. m 10,30

    Lunghezza scafo m 9,98

    Baglio m 3,54

    Pescaggio m 1,90

    Dislocamento a vuoto kg 4.500

    Zavorra kg 1.750

    Serbatoio acqua lt 110

    Serbatoio carburante lt 61

    Motore Volvo Penta 20 cv a 3.200 rpm

    Omolog. CE A Progetto Matteo Polli / Italia Yachts

     

    Indirizzi

    Italia Yachts, Chioggia, www.italiayachts.it

     

    Costruzione

    Scafo e coperta in sandwich con pelli multiassiali e unidirezionali di vetro, anima in pvc e resina vinilestere. Tutte le zone sottoposte a carico concentrato sono in laminato pieno. Le paratie strutturali sono in compensato marino e il ragno strutturale è in fibra di vetro con rinforzi in fibra di carbonio.

     

    Piano velico

    Albero in alluminio con sartiame in tondino due ordini di crocette acquartierate di 21° con lande a murata. Boma in fibra di carbonio. Il piano velico frazionato a 9/10 con randa steccata da 38,0 mq, fiocco da 32 mq, spi da 90 mq.

     

    Listino

    Prezzo di listino € 129.000 Iva esclusa franco cantiere con Volvo 20 cv.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta