x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Marlin 38

23 marzo 2007
Marlin 38
Vent’anni di esperienza nel settore hanno portatoMarlin Boat a operare scelte importanti in campo progettuale, sviluppando battelli di notevoli dimensioni tra cui il Marlin 38’ di quasi 12 metri di lunghezza fuori tutto, ma che rientra nella categoria dei natanti, in quanto delfiniera e plancia balneare sono appendici esterne e pertanto non sono conteggiate ai fini dell’ omologazione. Dotato di una linea pulita ed elegante messa in evidenza da un largo impiego di ...

Introduzione

Vent’anni di esperienza nel settore hanno portatoMarlin Boat a operare scelte importanti in campo progettuale, sviluppando battelli di notevoli dimensioni tra cui il Marlin 38’ di quasi 12 metri di lunghezza fuori tutto, ma che rientra nella categoria dei natanti, in quanto delfiniera e plancia balneare sono appendici esterne e pertanto non sono conteggiate ai fini dell’ omologazione. Dotato di una linea pulita ed elegante messa in evidenza da un largo impiego di massello di teak che si accorda perfettamente con il beige delle cuscinerie, questo maxi gommone è offerto dal cantiere già equipaggiato da una numerosa serie di accessori che sottolineano la vocazione crocieristica del battello. Ben realizzato il piano di coperta, preceduto dalla corta delfiniera adeguatamente attrezzata per l’ormeggio, dotato di una grande area prendisole sotto cui è nascosta la piccola cabina con doppia cuccetta. Al di sotto del divanetto passeggeri ricavato nella parte anteriore del cassero si trova il portello di accesso al mini locale toilette. Di seguito al triangolo prodiero l’importante console di guida, ben protetta da un ampio parabrezza, dispone di un divanetto per pilota e copilota facilmente trasformabile in leaning-post. Interessante la plancia in stile aeronautico dotata di una numerosa quanto insolita dotazione di strumenti per il controllo della navigazione, tra cui il plotter cartografico con Gps e il Vhf con Dsc offerti di serie dal costruttore. Ben organizzato il quartiere poppiero, con l’ampio divano passeggeri dotato di camminamenti laterali, che facilitano l’ accesso al prendisole poppiero ricavato sul portellone del vano motore, dove alloggiano i due entrofuoribordo Mercruiser muniti di piede Bravo One. Al termine del prendisole, due comodi gradini conducono alla larga plancetta balneare di teak, dotata di braccio doccia, scaletta di risalita a scomparsa e due luci subacquee che sottolineano la classe esclusiva di un mezzo destinato a non passare inosservato.

La prova

Prova Il test effettuato su uno specchio di acqua, appena mosso da una leggera brezza, è apparso ideale per saggiare a fondo le doti velocistiche del battello. Le poche evoluzioni necessarie a lasciare l’ormeggio mettono subito in evidenza l’ottima manovrabilità del battello, dovuta alla doppia motorizzazione entrofuoribordo, caratterizzata da una precisione millimetrica. Pressoché immediata, in considerazione della considerevole potenza dei propulsori, l’entrata in planata che il battello effettua in 3 secondi senza impennare. Con l’aumento della velocità il mezzo fuoriesce dall’acqua con buona parte dell’ opera viva, rimanendo a contatto della superficie liquida con la sola sezione poppiera dei tubolari. Il Marlin 38’ risponde con immediatezza ai comandi del pilota inclinandosi in modo corretto nel corso delle virate affrontate a velocità sostenuta, mentre lo sforzo sullo sterzo appare oltremodo contenuto. Sostanzialmente facile da condurre, è consigliabile comunque mantenere la massima attenzione quando il battello corre alla massima velocità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta