La nuova rotta di Franchini

15 June 2018
La nuova rotta di Franchini
Massimo Franchini, architetto e progettista, propone una gamma di motoryacht concepiti secondo lo spirito del tempo, ricchi di innovazione e tecnologie, per traghettare il Cantiere Franchini nella nautica 4.0. I nomi? Un omaggio a figli e nipoti

Quando Massimo Franchini ha deciso di riprendere la matita, di ritornare ad appoggiare la mano sul mouse e le dita sulla tastiera del computer aveva in mente il successo di Emozione 55 (un 55’ dalle linee dolci ed eleganti ispirate alle lobster boats), oltre trenta unità vendute e naviganti, contese a prezzi elevati nel mercato dell’usato, e allo stesso tempo l’esigenza di proporre una “evoluzione emotiva”, ovvero una lettura contemporanea del concetto di motoryacht, della sua vivibilità, della sua mobilità sul mare e della sua gestibilità, proponendosi di raggiungere ambiziosi obiettivi in tutti quegli ambiti.

Con questo impegno, Franchini ha attinto a un patrimonio di linee tese, di diedri slanciati, di volumi generosi, dando forma a una gamma di motoryacht che si estende dai 33 ai 77 piedi declinata in tre tipologie: T-Top, Sport Coupé e Flying Bridge, per un totale di nove modelli. Si chiameranno Zoe, Mia e Noah, omaggio a figli e nipoti, unica concessione ai sessant’anni di Franchini. Il resto è innovazione, ricerca, avanguardia.

La nuova squadra

La nuova rotta di Franchini

La nuova rotta del cantiere è stata resa possibile dall’incontro tra Massimo ed Eros Cecconi, giovane imprenditore marchigiano impegnato nella produzione di energia da fonti rinnovabili e nell’investimento in start-up e imprese di tecnologia avanzata impegnate, ad esempio, nelle nanotecnologie e in soluzioni per l’edilizia ad alta efficienza.

La relazione tra Franchini e le aziende del Gruppo Cecconi ha generato una spirale virtuosa di richieste, ricerche e applicazioni, in uno scambio di conoscenze, obiettivi e risultati, volti al miglioramento del prodotto e all’ottimizzazione della costruzione, della qualità e della sicurezza e praticità d’uso.

Della squadra del cantiere fa parte Marcello Maggi, manager della nautica e broker con un’esperienza di vendita in mercati vicini e lontani, che contribuirà al successo commerciale di Zoe, Mia e Noha.
Come annunciato in conferenza stampa a Viareggio il primo modello del 55’ lo vedremo ai saloni d’autunno del 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta