Oceano 46, il battesimo del terzo dislocante di Mangusta

13 March 2018
Oceano 46, il battesimo del terzo dislocante di Mangusta
È sceso in acqua il nuovo Mangusta Oceano 46, terzo dislocante venduto in soli due anni. Il design delle linee esterne è di Stefano Righini, mentre la firma degli ambienti interni è di Alberto Mancini
Oceano 46, il battesimo del terzo dislocante di Mangusta

Elevato comfort di bordo e bilanciamento tra spazi interni ed esterni: la linea Mangusta Oceano si distingue per l’esclusiva combinazione dei valori chiave del brand, applicati alle navi a tre ponti a lunga percorrenza. La filosofia di prodotto si esprime nella grande abitabilità, nell’ergonomia, negli spazi dedicati all’armatore, ai suoi ospiti e all’equipaggio. Una capacità di stupire che si estende al piano tecnico, a cominciare dalle elevate autonomie alle varie andature, fino alle performance di riduzione del rumore a bordo.


Dodici ospiti in sei cabine

Oceano 46, il battesimo del terzo dislocante di Mangusta

L’assoluta ricerca dei dettagli, lo studio dei materiali e la libertà di movimento nella massima privacy caratterizza la cifra stilistica del Mangusta Oceano 46, che può accogliere fino a dodici ospiti in sei cabine. Design puramente custom-made sia per ciò che riguarda la disposizione degli spazi, sia per l’arredamento e le rifiniture.
Sul piano sensoriale, il comfort è l’elemento che delinea il tema dominante dello yacht. La percezione di ampiezza degli spazi e il senso di relax si pongono infatti come trait d’union tra le aree private e le aree sociali all’aperto.

Il Mangusta Oceano 46 si colloca nel panorama degli super-yacht come perfetta coniugazione di stile, convivialità e design, con in più tutto il background di tecnologia e capacità costruttiva che descrive l’eccellenza di Mangusta.

www.mangustayachts.com


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta