Antonini Navi, consegnato un 56 metri realizzato per conto terzi

La commessa fa parte di un lavoro più ampio che Antonini Navi ha acquisito nel 2019 e che prevede la realizzazione di cinque scafi completi di sovrastruttura di lunghezza compresa tra i 30 ed i 58 metri - tre dei quali terminati e consegnati - per noti cantieri italiani.

1/7

Si chiude un ottimo anno per Antonini Navi, cantiere navale dedicato alla costruzione di superyacht fondato nel 2019 dalla proprietà dello storico Gruppo Antonini Spa, solida realtà industriale che opera nel settore Oil & Gas con un giro di affari di oltre 100 milioni di euro. Delle cinque unità in costruzione, tre – compresa quest’ultima - sono state terminate e consegnate, mentre le ultime due sono attualmente in fase di completamento: metallo dello scafo già isolato e pronto per essere stuccato, compartimentazioni e sala macchine allestite e coibentazione delle paratie e dei ponti effettuata.

Parallelamente, procedono spedite anche le operazioni di refit: dal 2019 sono già stati effettuati 7 interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su yacht dai 18 ai 50 metri e 3 sono tutt’ora in corso d’opera. I livelli di intervento mantengono sempre i più alti standard di qualità, grazie all’installazione di sistemi tecnologici di ultima generazione e di affidabilità estrema. Il refit è un’attività in cui il Gruppo Antonini vanta una grande esperienza, avendo collaborato nel tempo con importanti realtà storiche, tra cui la celebre nave scuola Amerigo Vespucci della Marina Militare.

Grazie al suo strategico hub nel Golfo di La Spezia – 33 mila metri quadrati di piazzali, oltre a due capannoni per un totale di 4.200 mq –, il cantiere è un punto di riferimento per molte realtà del settore che scelgono di sub-appaltare la costruzione.

L’azienda, che si avvale dell’esperienza di oltre 250 collaboratori, vanta un bagaglio di conoscenze e competenze tecniche in ambito di engineering, design, costruzione, assemblaggio e manutenzione, difficilmente riscontrabile in altre realtà navali e questo rappresenta senz’altro un grande punto di forza.

Antonini Navi è diventato in breve tempo un cantiere di riferimento nel settore dei superyacht con un ventaglio di soluzioni ampio e diversificato. Oltre l’attività di refit e la costruzione d’imbarcazioni per conto terzi, Antonini Navi è specializzato nella realizzazione di superyacht full custom - l’armatore può decidere di farsi realizzare una barca sul progetto di un proprio designer o scegliere una delle innovative proposte del cantiere. Tra queste spicca la gamma di superyacht UP40, un’innovativa piattaforma navale di 40 metri dalla quale possono nascere 3 differenti tipologie di superyacht: Crossover, Island ed Explorer, tutte progettate da Fulvio De Simoni e di cui, è attualmente in costruzione l’UP40 Crossover.

Antonini Navi opera nel settore nautico e nella costruzione di yacht custom con un unico obiettivo: creare imbarcazioni che riflettano la personalità dei loro armatori, le specifiche esigenze degli stessi ed il loro modo di vivere il mare. Il cantiere ha sede nel Golfo di La Spezia e si avvale di un team composto dai maggiori esperti e professionisti del settore, sono questi gli ingredienti che permettono ad Antonini Navi di offrire un’ampia gamma di servizi: dalla costruzione di yacht custom fino a 70 metri di lunghezza, ai servizi di refitting, di post-vendita, di ormeggio per superyacht e di produzione per conto terzi.

www.antonininavi.com

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove