Astus 22.5 piccoli tri crescono

La barca è dedicata a veloci crociere in famiglia grazie anche all’abitabilità dello scafo centrale.

Dopo il successo dei precedenti 16.5 e 20.5 il cantiere francese, specializzato nella costruzione di piccoli trimarani per la crociera sportiva, espande la gamma (tutta disegnata dallo studio VPLP) presentando il nuovo 22.5. Lungo 8,30 metri fuori tutto, ha una larghezza massima di 4,70 metri riducibile a 2,72. La barca è dedicata a veloci crociere in famiglia grazie anche all’abitabilità dello scafo centrale: ha infatti un’altezza interna di 1,70 metri con quattro posti letto nel salone al centro, due sistemati nella cuccetta frontale (letto 1,40 x 2 metri) e due in quelle laterali (0,5 x 2 metri). Esiste anche una versione più sportiva con possibilità di montare una coppia di foil. Il 22.5, che sostituirà il 22.1, è facile da armare e manovrare, è trasportabile su carrello (pesa appena 720 kg e gli scafi si richiudono senza doverli sormontare) e la sua gestione è economica, perché può essere sistemato in un normale garage. Il tri è anche molto stabile grazie alla galleggiabilità, data da un volume di 1.150 litri in ogni scafo laterale. Le prue wave piercing consentono di surfare tra le onde in sicurezza e ad alta velocità. La barca sarà visibile al salone di Düsseldorf 2022.

www.astusboats.com

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove