08 febbraio 2019

Benetti vara il secondo 100 metri

È sceso in acqua il nuovo DI FB 272, il secondo di tre giga yacht del cantiere varati in pochi mesi a Livorno. Sei ponti in acciaio e alluminio e soluzioni che impressionano
Benetti “battezza” FB272, il più grande giga yacht della storia del brand e che ha visto l’armatore coinvolto in tutto il progetto di costruzione.
Lungo circa 100 metri e con una larghezza di 17 metri, FB272 ha una stazza lorda superiore a 5.500 tonnellate ed è equipaggiato con un sistema di propulsione ibrido composto da motori diesel-elettrici e due propulsori Azipod, connessi a loro volta a un parco batterie in grado di garantire una navigazione senza vibrazioni e in assoluto silenzio.

FB272 ha una struttura alta e massiccia che propone un nuovo senso delle proporzioni e dispone del sistema di domotica Lutron e circa 500 km di cavi che si snodano all’interno della sua struttura. Nonostante questa anima iper tecnologica, lo yacht garantisce un’importante connessione con l’ambiente: le superfici vetrate alte 3 metri permettono alla luce naturale di inondare gli interni.
Le linee esterne si sviluppano su sei ponti e sono state create dall’armatore con lo studio Reymond Langton Design e Zaniz Jakubowski. Una prua dritta e verticale garantisce un’eccellente tenuta in mare, mentre gli spazi sul ponte di prua permettono agli ospiti di godersi la navigazione.

Il ponte principale offre altri spazi dedicati alla convivialità, oltre a una zona pranzo riparata dalla sovrastruttura. Sul ponte superiore si trova la plancia di comando, sovrastata da un ponte privato che conduce alla piattaforma per l’elicottero, dotata di un sistema di rifornimento carburante.

L’interior design dell’area ospiti e gli spazi dedicati all’equipaggio sono stati disegnati da Zaniz Jakubowski.

La propulsione di FB272 consiste in un set di 6 generatori da 1.000 kW circa. L’energia prodotta viene gestita da un sistema integrato di controllo elettronico che rifornisce i servizi di bordo e i due propulsori Azipod da 2.200 kW l’uno. Inoltre, l’elettricità dei generatori è utilizzata per ricaricare 35 tonnellate di batterie che alimentano FB272 per 12 ore senza l’ausilio dei motori.

Il sistema di aria condizionata e le unità di raffreddamento garantiscono una capacità di raffreddamento di circa 3.000 KW. Lo yacht è inoltre dotato di unità di recupero calore, un sistema pensato per alimentare l’imbarcazione e risparmiare energia elettrica.

www.benettiyachts.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove