Completata la campagna “Quick Gyro: the coolest system”

Cinque video pubblicati per raccontare i motivi per i quali scegliere il sistema dell’azienda.

Quick Spa, leader internazionale nella produzione di accessori nautici, lancia l’ultimo video della campagna “Quick Gyro: the coolest system” con l’obiettivo di raccontare i motivi che rendono lo stabilizzatore Quick Gyro il sistema più “cool” del mercato, raccontando nel dettaglio il funzionamento del meccanismo di dissipazione naturale e dei vantaggi che la macchina ha rispetto ai competitors sul mercato.


Cinque i motivi raccontati dal team Quick:

  • Minima manutenzione: le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria si possono fare senza mai dover smontare lo stabilizzatore dall’imbarcazione questo sia perché tutti i componenti bisognosi di manutenzione si trovano in posizioni facilmente ispezionabili sia per la mancanza di un impianto di raffreddamento ad acqua che inevitabilmente rende più complesse le attività di manutenzione.
  • Efficienza: la velocità di spool up e spool down sono estremamente elevate. In soli 25 minuti raggiunge il 100% degli RPM necessari alla stabilizzazione ma è possibile già sentire i primi “effetti stabilizzanti” anche in meno di 20 minuti, quando raggiunge l’80% degli RPM.
  • Installazione a bordo: l’installazione desta poche preoccupazioni, per questo è estremamente semplice anche in refitting. Basta fissare lo stabilizzatore a un basamento solidale allo scafo con pochissime viti (per le taglie più piccole sono 8 viti) e il gioco è fatto. Non è necessario l’alaggio della barca perché Quick Gyro è estremamente compatto e passa facilmente dai boccaporti.
  • Dissipazione naturale: il sistema a raffreddamento naturale comporta la mancanza di scambio con l’acqua di mare che può creare non pochi problemi di ricircolo dell’acqua e ossidazione, soprattutto una volta rientrati con la propria barca in porto. Per avere una macchina performante non è necessario un ambiente vacuum o un raffreddamento forzato. L’asse di rotazione orizzontale permette di distribuire il peso su più cuscinetti invece che su uno solo e questo comporta un aumento della dimensione della massa e una diminuzione della velocità di rotazione, limitando così la produzione di calore. Perché Quick Gyro non vada in de rating è semplicissimo: è sufficiente predisporre l’installazione in un vano che non superi i 55° C / 131F°.
  • Quick a bordo: il grande plus di scegliere un Quick Gyro è avere Quick stessa a bordo, grazie ai trent’anni di esperienza nel settore e il supporto dei rivenditori e centri di assistenza in tutto il mondo (+385). La mission aziendale è quella di affiancare l’armatore a 360° proponendo sistemi completi, affidabili e integrati

Al seguente link è possibile vedere i video: https://vimeo.com/showcase/the-coolest-system

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove