16 aprile 2019

Ferretti: vado al massimo

Ferretti Group ha presentato oggi a Milano, al Grattacielo Pirelli, i risultati finanziari del 2018 che confermano crescita e solidità finanziaria: nel 2018 utile +29 per cento e ricavi +7,5 per cento. Completata l’acquisizione del marchio Wally
Che il Gruppo Ferretti sia in salute lo dimostrano i dati. I risultati dell’esercizio 2018 sono caratterizzati da: un utile netto pari a 31 milioni di euro (+29 per cento), il valore consolidato della produzione sale a 669 milioni di euro (+7,5%), l'ebitda (margine operativo lordo) si attesta a quota 53 milioni di euro, il portafoglio ordini al 31 dicembre 2018 è di ben 708 milioni di euro e gli asset totali raggiungono quota 1,14 miliardi di euro, di cui 38,5 milioni di disponibilità liquida.

«C'è una bellezza nitida anche nei numeri, e quelli dell'esercizio 2018 ci raccontano che fare barche belle e inconfondibili è ancora l’unica rotta da seguire e la soluzione per vincere» così l'ad Alberto Galassi. «Per rimanere saldi ai vertici e crescere costantemente come fa Ferretti Group da qualche anno, occorre muoversi veloci e reattivi in un mercato estremamente mutevole».

Galassi ha anche annunciato la conclusione dell’acquisizione del marchio Wally, che porta così a 8 “le sorelle” nel portafoglio del Gruppo Ferretti. «Anche se squadra che vince non si cambia, se arriva un fuoriclasse si fa volentieri un’eccezione».

Il Gruppo punta, dal 2019 al 2021, a lanciare altri 27 nuovi modelli seriali con una lunghezza media di 97,3 piedi, spingendosi sempre oltre nella costruzione di imbarcazioni di grandi dimensioni.

Grazie ai 64 milioni di euro investiti dal 2015 al 2018 in capacità produttiva, sono stati realizzati importanti lavori di potenziamento produttivo e rinnovamento dei cantieri del Gruppo, in particolare nella Super Yacht Yard di Ancona al centro di un ì progetto di ristrutturazione volto alla creazione di un hub industriale che ne ha esteso la superficie su oltre 80.000 mq e che entro il 2020 doterà lo stabilimento di 10 capannoni produttivi, un travel lift da 670 tonnellate e una marina privata con 14 ormeggi disponibili.

www.ferrettigroup.com
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove