22 settembre 2019

Fpt Industrial per il diporto

Fpt Industrial presenta il turbodiesel C16 1000, N67 570 EVO e N40 E + HM 560 ibrido studiati per le imbarcazioni da diporto

1/2

Il turbodiesel FPT Industrial C16 1000 si distingue per prestazioni e compattezza. Con una cilindrata di 16 litri e una configurazione a 6 cilindri in linea, garantisce una potenza che può raggiungere 1.000 cv a 2.300 giri/min. Nel 2018, con una specifica configurazione da competizione, questo motore ha conseguito il Primato mondiale di velocità per barche con propulsore diesel, raggiungendo i 277,5 km/h.

N67 570 EVO. Combinando le alte prestazioni con un design leggero e compatto, questo motore da 6,7 litri eroga 570 cv a 3.000 giri/min, con una coppia massima di 1.551 Nm a 2.000 giri/min., garantendo le massime prestazioni per imbarcazioni veloci e leggere. L’utilizzo di tecnologie avanzate garantisce affidabilità e conformità alle più severe certificazioni ambientali.

N40 E + HM 560 ibrido. Bassi costi operativi, affidabilità e durata sono i punti di forza di questo motore da 3,9 litri. È in grado di erogare fino a 250 cv a 2.800 giri/min ed è inoltre conforme ai più severi standard europei relativi alle emissioni sulle vie navigabili interne per le potenze di 170, 150, 100 e 85 cv a 2.800 giri/min.

Per la propulsione ibrida, l’azienda propone questo motore in abbinamento al modulo Transfluid HM 560, la combinazione offre la massima flessibilità di funzionamento, grazie alla possibilità di utilizzare sia la propulsione diesel, sia elettrica a batterie, sfruttando l’efficienza di ciascuna modalità per ottimizzare i consumi e ridurre l’impatto ambientale. Un pacco di batterie al litio alimenta il motore elettrico, a zero emissioni e con una navigazione molto silenziosa. È l’ideale per attraversare aree protette o baie situate in ambienti delicati. La modalità di funzionamento con il motore a combustione interna è pensata per garantire la sicurezza della navigazione a lunga distanza, durante la quale è possibile ricaricare le batterie.

www.fptindustrial.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove