12 febbraio 2016

Futura 49

Presentato il primo catamarano per la crociera a larghezza variabile. Gli scafi traslano e riducono la larghezza totale ad appena 4,93 metri

Futura 49

 

Dopo tre anni di sviluppo è entrato in produzione il primo catamarano per la crociera a larghezza variabile. Gli scafi laterali infatti traslano sotto alla sezione centrale riducendo l'ingombro massimo di 7,98 metri a un minimo di 4,93. I vantaggi sono notevoli, e spaziano dal costo ridotto del posto barca agli enormi spazi di stivaggio ricavati nei due scafi che non sono abitabili (la loro altezza è di 1,60 metri), ma possono contenere perfino una moto. Il movimento degli scafi impiega meno di minuto e può essere effettuato anche in mare aperto.

Due le versioni: Owner e Charter. La prima ha tre cabine (tutte sul ponte principale) e due bagni con armatoriale a estrema prua, dotata di vetrate panoramiche e angolo ufficio; la seconda ha quattro cabine. Negli scafi è possibile ricavare spazio per il marinaio. 

Non manca il fly, attrezzato con posto di comando e prendisole. Il Futura 49 ha una superficie velica toale di 134 mq (141 mq per la versione perfomrance) ed è spinto da due motori da 38 cavalli. 


www.futura-yachtsystems.de

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove