08 marzo 2018

Carena sempre asciutta con il sistema di messa in secca fai da te

Arriva dai nostri lettori Aldo Cirioni e Leonardo Latini un’invenzione per la messa in secca di natanti da diporto. Vediamo come funziona

L’invenzione, fondandosi sul principio di Archimede (ogni corpo immerso parzialmente o completamente in un fluido (liquido o gas) riceve una spinta verticale dal basso verso l'alto, uguale per intensità al peso del volume del fluido spostato) prevede l’utilizzo di due cilindri gonfiabili che gonfiandosi contemporaneamente permettono il sollevamento della barca garantendo la messa in secca dell’imbarcazione per il periodo invernale.

Il risparmio

In tal modo si può utilizzare il proprio posto barca anche nei mesi freddi senza gravare sulla salute dello scafo che, con lunghe permanenze in acqua, può portare a problemi di osmosi.
Pernon dimenticare i costi di rimessaggio effettuato spesso a pagamento in piazzali limitrofi adiacenti al porto o in strutture simili.

Aldo Cirioni e Leonardo Latini hanno già realizzato dei campioni funzionanti e sono intenzionati a trovare un’azienda interessata alla produzione in serie o all'utilizzo del brevetto.

www.levitas.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove