21 February 2018

Marina degli Aregai, al via la regata Carnival Race

Imbarcazioni da tutta Europa (150) solcheranno le acque di Marina degli Aregai (Santo Stefano al Mare, Imperia) che vedrà protagonisti i migliori specialisti delle classi 420 e 470

Dal 22 al 25 febbraio Marina degli Aregai ancora una volta sarà protagonista della grande vela con la quarta edizione della Carnival Race 2018, che vede protagonisti circa 300 atleti provenienti da tutta Europa.
La vocazione internazionale di questa manifestazione, organizzata dallo Yacht Club Sanremo, è diventata un punto di riferimento per tutti gli atleti europei delle classi 420 e 470. Sono infatti circa 300 gli atleti attesi a Marina degli Aregai, al momento le nazioni iscritte sono 18. L’appuntamento velistico è stato portato da tre a quattro giorni di regata per richiesta degli stessi partecipanti e vedrà in acqua barche provenienti da Ucraina, Svizzera, Grecia, Germania, Irlanda, Polonia, Norvegia e molte altre nazioni.

Il livello sarà altissimo con gli equipaggi del 470 rientrati dalle World Sailing Series di Miami e i giovani dei 420 tra cui spiccano i vice campioni del mondo Tommaso Cilli e Bruno Mantero dello Yacht Club Sanremo. Presenti all’appuntamento velistico nella categoria 420 anche le sorelle Carlotta e Camilla Scodnik, vice Campionesse Mondiali femminili under 17 al recente mondiale di Freemantle in Australia, a gareggiare anche l’olandese Afrodite Zegler quarta classificata alle Olimpiadi di Rio, Campionessa del Mondo e leader della Coppa del Mondo e ancora l’inglese Luke Patience, da anni uno dei leader della classe 470 più volte sul podio Olimpico, nonché campione mondiale ed europeo della classe.

“Siamo sempre lieti di ospitare all’interno dei nostri porti eventi sportivi di questo calibro. Ringrazio il presidente Beppe Zaoli dello Yacht Club Sanremo per aver scelto ancora una volta Marina degli Aregai come teatro di un evento velistico di così alto livello”, ha dichiarato Beatrice Cozzi Parodi, presidente dell’omonimo gruppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove