16 luglio 2019

Monte Carlo Yachts 70

Primo dei tre nuovi modelli presentati nel 2019, il MCY 70 è lungo 21,08 metri
e ha un layout con suite armatoriale al centro e tre ospiti a prua. Spinto
da due motori Man V8 da 1.200 cavalli sfiora la velocità massima di 30 nodi

1/16

La collezione Monte Carlo Yachts si arricchisce di un nuovo “luxury yacht” che per design, qualità della costruzione e stile, guarda ai vertici del mercato nautico nazionale e internazionale. Si tratta del Monte Carlo Yachts 70’, che porta la firma dello studio di progettazione di Carlo Nuvolari e Dan Lenard e realizzato secondo le più sofisticate tecniche costruttive, definibili a “difetto zero”. Il 70 è solo una delle tre novità che il cantiere ha presentato per il 2019: le altre sono MCY76 e MCY66.


Il sistema modulare di fabbricazione, che si articola in tre stadi produttivi d’assemblaggio - lo scafo, gli interni e la coperta - è accompagnato da procedure di controllo capillari e continue che garantiscono un livello qualitativo molto elevato della produzione seriale. Anche il customer care definisce la serietà di un cantiere che, a giusta ragione, è sempre sulla breccia.

Costruzione modulare
La configurazione di base del 70’ vede gli interni svilupparsi su due ordini di ponte - il terzo è riservato al fly -, con la zona notte realizzata in quello inferiore per una maggiore privacy; la living room, inclusa la postazione di governo, sono invece collocate al livello del piano di coperta.


Partendo da questo schema del design d’interni, il cantiere offre all’armatore un’ampia possibilità di personalizzazione, sia per gli elementi di arredo sia per la progettazione degli ambienti. Il sistema di costruzione modulare del cantiere, decisamente all’avanguardia e frutto di attenti calcoli delle varianti strutturali, consente di limitare, se non azzerare, i costi della semi-customizzazione nella linea di produzione in serie. In tutti i casi la progettazione Nuvolari-Lenard dimostra di essere particolarmente attenta agli equilibri tra i volumi interni, tali da garantire il massimo comfort di tutti gli spazi abitabili.
Punto di forza del 70’ è certamente il luminoso salone del ponte principale, circondato da grandi vetrate, capaci di creare, quasi senza soluzioni di continuità, una panoramica di tutto il giro d’orizzonte decisamente coinvolgente.


Anche le cabine armatore e ospiti (a prua) godono del medesimo concetto di luminosità e sebbene collocate nel lower deck sono caratterizzate dalla presenza di oblò e impreziosite da superfici laccate riflettenti e ripiani di vetro che ne accentuano il grado di luce. Gli interni sono ampiamente personalizzabili, tuttavia riteniamo che la versione da noi provata, con quattro cabine (tre ospiti e un’armatoriale) sia ben bilanciata in rapporto alle dimensioni dello yacht e al generale alto livello di comfort concesso.


Infine, il largo uso di essenze pregiate, lavorate con grande attenzione anche per i minimi dettagli, di raffinati tessuti ben abbinati ai contesti ambientali, insieme a mobili e ad altri elementi di arredo di pregio, conferiscono alla pianta d’interni un grado di eleganza e di classe d’immediata percezione che, con gran senso della misura, risulta sempre estranea ai toni dell’esagerazione.

Fy e t-top in fibra dI carbonio
Anche l’accoglienza all’esterno è di ottimo livello e le tre aree en plein air - il flybridge e i due “salotti”, a poppa e a prua - offrono momenti di relax eccezionali. Mentre l’area pozzetto è abbastanza tradizionale nel disegno e allestimento - un po’ obbligata nelle forme anche per la presenza dell’ampio garage per il tender e le discese alla piattaforma poppiera - gli stilemi della progettazione Nuovolari-Lenard, sempre orientati alle migliori soluzioni per la vita di bordo, sono evidenti soprattutto nella progettazione del fly. Qui gli spazi sono più che generosi e allestiti con un salotto/pranzo di particolare eleganza e funzionalità, servito da una cucina esterna di buone proporzioni e molto pratica.


Di grande fascino è anche l’illuminazione di servizio, che consente di vivere l’ambiente di sera con piacevolezza. La postazione di governo sfrutta una consolle - al pari di quella nel ponte principale - fornita di tutta la strumentazione necessaria di pilotaggio e controllo; oltre ad essere comoda per la condotta della navigazione, diventa una postazione irrinunciabile per le manovre in porto. Un T-top in fibra di carbonio, di pregevole design e seducente effetto estetico, completamente apribile, conferisce al fly una veduta sull’esterno a 360 gradi e un grado di ospitalità di primo livello.

Navigazione
Quaranta tonnellate di dislocamento distribuite su 21 metri di lunghezza e circa 6 di larghezza danno il senso dell’importanza costruttiva di questo yacht. Tuttavia, l’immediatezza di risposta dei comandi timone e dei motori, pure nelle condizioni di massimo carico, senza dubbio resa possibile dal buon avviamento delle linee della carena, fanno dimenticare di essere al cospetto di una vera e propria navetta.


Anche la spinta dei due Man da 1.200 cv ciascuno appare ben bilanciata, capace di proiettare il 70’ - 2.380 giri motore, con carico medio di 12 persone, 40 per cento di gasolio (1.800 lt), 300 lt d’acqua - fino a quasi 30 nodi di velocità massima. Il range crociera si attesta tra i 21 e i 24 nodi, con consumi che variano, anche in relazione alle condizioni di vento e di mare, tra i 230 e i 240 litri/ora.

Abbiamo già accennato alla qualità delle linee d’acqua della carena, che si riscontrano soprattutto nella grande stabilità di rotta dello yacht, anche nel passaggio sull’onda formata, che avviene con decisione, senza il minimo accenno d’imbardata. Con la virata a chiudere, viene disegnata una curva d’evoluzione che risulta abbastanza contenuta, in rapporto alle dimensioni del mezzo. Va, infine, sottolineato il limitato livello di emissioni acustiche della barca, sia per quanto riguarda gli interni sia per l’esterno, nel pieno rispetto dell’ambiente.

I dati

Prezzo di listino su richiesta
Lunghezza f.t. m 21,08
Larghezza m 5,45
Pescaggio m 1,25
Dislocamento a vuoto t 41
Serbatoio acqua lt 800
Serbatoio carburante lt 4.000
Motori2 x Man V8 1.200 cv
Omologazione CE categoria A
Progetto Nuvolari-Lenard

INDIRIZZI
Monte Carlo Yachts, Monfalcone (GO),
tel. 0481 283111; www.montecarloyachts.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove