Nasce il cantiere Nabys con due novità

Questo triangolo è la scommessa che lancia un gruppo di soci, (quasi) tutti con un lungo trascorso nel diporto come armatori.

1/5

Un nuovo cantiere, Nabys, e due nuove barche, il Nab 10 e il Nab 12.50. Questo triangolo è la scommessa che lancia un gruppo di soci, (quasi) tutti con un lungo trascorso nel diporto come armatori. Il primo è un natante di 9,99 metri progettato da Alessandro Vismara (architettura navale) e da Antonio Cataldi (aspetto generale e interni). La dinette è spostata a prua e l’assenza dell’albero, fissato in coperta, amplifica la sensazione di spazio. Entrambe le cabine sono a poppa. In più bagno e doccia sono in due locali separati. Il Nab 12.50 è invece una creatura che Vismara ha modellato sulle forme di un ocean runner, per volare veloci alle andature portanti, con un piano velico arretrato per gestire tre vele di prua con agio anche in equipaggio ridotto. A definire gli interni ci ha pensato Massimo Sabatini, uno dei soci del cantiere che ha scelto degli arredi improntati sulla leggerezza, anche visiva. A decretare la totale differenza da ciò che il mercato propone è il fatto che i Nab sono costruiti in legno e fibra di lino, non in vetroresina.

www.nabys.it

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove