Palm Beach GT60, la nuova ammiraglia del cantiere australiano

Il nuovo 60 piedi è nato dalla matita del progettista di yacht e Ceo del cantiere, Mark Richards, che ha voluto dare una dimostrazione di potenza, efficienza e performance di navigazione.

1/3

Palm Beach GT60 è la nuova ammiraglia high-tech e performante del cantiere australiano, nata per seguire da vicino le orme della sorella minore GT50. Il nuovo 60 piedi è nato dalla matita del progettista di yacht e Ceo del cantiere, Mark Richards, che ha voluto dare una dimostrazione di potenza, efficienza e performance di navigazione, doti che accomunano tutti i modelli Palm Beach, a cui la serie GT aggiunge nuovi spunti di uno stile contemporaneo. Il cantiere ha voluto alleggerire il più possibile lo scafo, con tecniche di costruzione avanzate, tra cui la fibra di carbonio infusa sotto vuoto nel ponte e nella sovrastruttura. Nei primi test, Palm Beach GT60 ha superato i 40 nodi di velocità, grazie ai suoi due propulsori Volvo IPS 1350, per un totale di 2mila hp. A far brillare il GT60 sono i consumi: circa 283 litri/ora a 35 nodi. L'autonomia stimata permetterebbe all’armatore di navigare da Miami a Nassau, Bahamas, in poco più di 5 ore, bruciando meno del 42% del carburante stivato nei suoi serbatoi. Un grande parabrezza in vetro curvo monopezzo e grandi finestre laterali avvolgono il salone e il pozzetto. Sotto il ponte ci sono due cabine, un bagno e la cucina.

www.palmbeachmotoryachts.com

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove