06 July 2024

Partita la campagna della Lega Navale Italiana “Mare di Legalità”

L’inaugurazione alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

1/14

Una grande festa del mare e della legalità con protagonisti i giovani della Lega Navale Italiana. È stata presentata al Porto Turistico di Roma a Ostia la campagna della LNI “Mare di Legalità”, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sono intervenute all’evento numerose autorità civili e militari, tra cui il Ministro dell’Interno, il prefetto Matteo Piantedosi, la Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, l’onorevole Chiara Colosimo, il Direttore dell’​​Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC), il prefetto Bruno Corda, il Capo della Polizia, il prefetto Vittorio Pisani, il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, l’ammiraglio Enrico Credendino e il Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, l’ammiraglio Nicola Carlone.

“Mare di Legalità” è un contenitore di diverse iniziative trasversali ai compiti istituzionali della Lega Navale - quali la diffusione della cultura marittima, la promozione dello sport e della formazione nautica per tutti, l’inclusione sociale e la protezione ambientale - che prevede l’impiego per finalità di pubblico interesse di barche a vela confiscate alla criminalità organizzata e affidate alla Lega Navale Italiana che le ha riportate sulla “rotta della legalità” grazie all’impegno dei soci e con i propri fondi.

L’obiettivo della campagna, che si svilupperà nel biennio 2024-25, è quello di promuovere le attività marittime, soprattutto in favore dei giovani e dei soggetti più fragili, la salvaguardia del mare e la diffusione dei principi della legalità e dei valori della Lega Navale Italiana (accoglienza, competenza, rispetto, lealtà, appartenenza, disponibilità, solidarietà, sostenibilità e amore per il mare).

L’evento inaugurale a Ostia, con la partecipazione del Capo dello Stato che prima dell’inizio dell’evento ha visitato gli stand con le principali attività della LNI, è stato il più alto riconoscimento del diverso impiego in favore della collettività di otto di queste imbarcazioni, un tempo impiegate nel traffico di stupefacenti, di armi e nella tratta di migranti ed ora intitolate alla memoria di alcune vittime della mafia e del terrorismo.

I giovani soci e atleti della Lega Navale Italiana Sezione di Ostia sono saliti sul palco insieme agli equipaggi delle otto “barche della Legalità” per perpetuare il ricordo delle vittime e l’impegno contro le organizzazioni criminali. Al generale dell’Arma dei Carabinieri e prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa è stata intitolata “Spyros”, barca a vela affidata alla Sezione di Fiumicino, al sindacalista Placido Rizzotto è stata dedicata “Lion”, la “barca della Legalità” affidata alla Sezione di Sant’Agata di Militello, al giornalista e attivista Peppino Impastato – il primo intellettuale ad essere ucciso da Cosa Nostra – è stata intitolata “Lighea”, barca a vela affidata alla Sezione di Brucoli-Augusta, al politico Piersanti Mattarella, ucciso da Cosa nostra mentre ricopriva l’incarico di Presidente della Regione Sicilia, è stata intitolata la barca della Sezione di Ostia, “Eros”, al giornalista Pippo Fava è stata associata “Stubborn” della Sezione di Aci Trezza; ai magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino è stata dedicata la barca della Sezione di Palermo, “Our Dream” – la prima di queste imbarcazioni confiscate ad essere stata resa pienamente accessibile alle persone con disabilità fisica – “Eva”, barca della Sezione di Reggio Calabria, è stata intitolata a Natale De Grazia, ufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, mentre “Lady Marianna” è stata dedicata alla memoria di Francesca Morvillo – moglie di Giovanni Falcone e unica magistrata ad essere stata uccisa dalla criminalità organizzata in Italia – e ai giovani agenti della scorta di Giovanni Falcone che erano a bordo della Quarto Savona Quindici il giorno della strage di Capaci (23 maggio 1992), Antonio Montinaro, Vito Schifani e Rocco Dicillo.

Nello svolgimento delle attività di “Mare di Legalità”, gli equipaggi composti da soci della Lega Navale Italiana, ma anche da giovani, studenti, ricercatori universitari e da persone con disabilità o in condizione di disagio socio-economico, porteranno nei porti, nelle città e nelle scuole la storia della barca e della vittima cui è stata intitolata. L’immagine e il nome della vittima è stata raffigurata sulla randa e sulla vela di prora di queste barche che, in occasione delle soste nei porti, esporranno in banchina un gonfalone che riporta il passato dell’imbarcazione e la biografia della persona cui è stata associata.

“Queste barche diventano così una testimonianza concreta della storia e dei valori di quei servitori dello Stato che hanno combattuto contro la mafia e il terrorismo, perfettamente consapevoli dei rischi che correvano”, afferma l’ammiraglio Donato Marzano, Presidente della Lega Navale Italiana. “Una lotta contro le organizzazioni criminali che non è finita e che lo Stato porta avanti tutti i giorni. È nostro dovere, come ente pubblico e associazione con oltre 56.000 soci, quello di educare i giovani ai valori della legalità e al rispetto delle regole, avvicinandoli al mare e all’attività nautica. La presenza del Presidente Mattarella e delle più alte cariche istituzionali all’evento inaugurale di “Mare di Legalità” ha rappresentato la vera gratificazione per i nostri ragazzi, istruttori, atleti e soci, che il Capo dello Stato ha voluto incontrare e salutare. Ci hanno onorato della loro presenza, e di questo li ringrazio, alcuni dei parenti delle vittime, tra cui Alfredo Morvillo, Placido Rizzotto jr., Giovanni De Grazia e Francesca Andreozzi, nipote di Pippo Fava. Sono felice ed orgoglioso di come è partita questa importante campagna che ci vedrà impegnati per un anno e mezzo come un unico equipaggio”, conclude il presidente Marzano.

Partner operativi della campagna “Mare di Legalità” sono Save the Children, Federparchi, Marevivo, Marina Militare, Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera, RUO - Research Unit One, Associazione Porto dei Piccoli e Porto Turistico di Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove