05 December 2020

I risultati finanziari 2020 per i jet elettrici DeepSpeed

A un anno dall’ultima campagna di crowdfunding che in circa 10 giorni aveva sforato l’obiettivo previsto di 450k (la startup raccolse 520K€ restituendo poi 70K€ di eccedenza), la Sealence è pronta per un nuovo round di finanziamento, e stavolta sarà un «A series».

Oltre agli avanzamenti sul piano tecnologico e brevettuale degli ormai noti jet elettrici DeepSpeed - è di pochi giorni fa la notizia dell’ottenimento del brevetto in Australia - la Sealence ha presentato all’assemblea un bilancio che vede la patrimonializzazione della startup passare dai 2,1M€ del 2019 agli oltre 13.5M€, per effetto sia della raccolta di capitali effettuata in questi ultimi 12 mesi, sia per effetto dell’ottenimento del valore del brevetto.

Anche l’assetto societario e di governance viene completamente ridisegnato, la startup diventa infatti una SPA e William Gobbo fa un passo indietro dalla carica di amministratore unico in favore dell’introduzione di un CDA, oltre che di un collegio sindacale che certificherà i prossimi bilanci.

«Tutte modifiche che ho deciso di introdurre nell’ottica di garantire sempre più trasparenza ai soci della startup che, anche a seguito delle campagne di crowdfunding, diventano sempre più numerosi - spiega William Gobbo -. Sono poi tutte trasformazioni operate nell’ottica di agevolare le discussioni con i fondi di investimento italiani ed esteri, che ho avviato nel corso di queste ultime settimane».

La startup si avvia infatti verso il suo prossimo round di finanziamento che sarà un “A series” ed anche qui le sorprese non mancano. Intanto l’obiettivo di raccolta è importante ed è stato fissato in 7M€, che in Italia rappresenta una sfida alquanto ambiziosa, ma quello che salta subito all’occhio è che il valore della startup è stato fissato dagli analisti indipendenti a 33,5 milioni di euro, facendo registrare anche su questo aspetto un deciso balzo in avanti dagli 8,7 M€ stimati solo un anno fa.

«Ce lo aspettavamo tanto che era già stato dichiarato nel piano industriale presentato 12 mesi fa. Sono orgoglioso di constatare oggi che i nostri sforzi quotidiani ci vengono riconosciuti anche dal mercato della finanza, oltre che osservare che chi ci ha dato fiducia nei mesi passati vede già una importante rivalutazione del proprio investimento - prosegue Gobbo -. Siamo comunque ancora all’inizio del nostro percorso. Altri ed importanti passi avanti li faremo nel momento in cui renderemo noti i fondi di investimento con i quali stiamo oggi trattando nonché la strategia di espansione dei prossimi anni».

Anche quest’anno, infatti, una parte della raccolta capitali sarà effettuata tramite una nuova campagna che sarà lanciata a brevissimo sul portale CrowdFundMe. I capitali raccolti saranno principalmente impiegati per completare il percorso di sviluppo dei jet DeepSpeed così da avviare la commercializzazione ad inizio 2022.

Il piano vede poi il rafforzamento del team che comunque da gennaio 2020, in piena emergenza Covid, ha visto l’ingresso di altre nove risorse, in prevalenza nel gruppo dei progettisti tecnici, portando a casa altissime competenze ingegneristiche non ultima quella dell’ingegnere Marco Cassinelli, ex Direttore Tecnico di MVAgusta, con un passato in Alfa Romeo, Lamborghini, Audi e Maserati, che andrà a ricoprire il ruolo di CTO. Dal piano industriale si evince poi il completamento della strategia brevettuale che vedrà i brevetti dei jet DeepSpeed depositati a livello worldwide.

www.sealence.it​


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove