29 novembre 2019

Saloni Nautici Internazionali d’Italia organizzerà la fiera di Bologna 2020

Nasce dalla congiunzione di intenti tra il Polo Nautico Italiano e l’Associazione Filiera Italiana della Nautica la nuova organizzazione che gestirà la prima edizione del Salone Nautico di Bologna (17-25 ottobre 2020) in programma nei padiglioni del quartiere espositivo di BolognaFiere Spa.

Saloni Nautici Internazionali d’Italia, questo il nome della neo società, porterà avanti il progetto che dovrà dare una identità ed uno sviluppo per la media e piccola nautica italiana, quella tra i 4 ed i 18 metri. Il Presidente della società, Gennaro Amato, ha così completato l’iter costitutivo della struttura che potrà consentire alla vera nautica italiana, quella di tutti, di trovare un’esposizione di riferimento.

“Il nostro programma parte da una necessità primaria, quella di dare visibilità e sviluppo commerciale ad una segmento produttivo che rappresenta la vera spina dorsale della nautica in Italia – afferma il presidente Gennaro Amato -. Purtroppo, tolto il Nauticsud di Napoli, non abbiamo piattaforme espositive che ci offrano una vetrina adatta alle nostre esigenze. Per questo motivo è nato il Salone Nautico Internazionale di Bologna.

“Il Polo Nautico Italiano ed AFINA hanno trovato così un terminale nell’esposizione emiliana che risponde alle esigenze e necessità degli oltre 400 cantieri italiani che realizzano imbarcazioni in questo range, 4/18 metri, ma anche di molte altre aziende della filiera nautica tra le cui le aziende dei motori fuoribordo esclusivamente dedicate a questo tipo di natanti”.

Il Consiglio di Amministrazione di Saloni Nautici Internazionali d’Italia vede infatti l’adesione di membri del consiglio direttivo del PNI, con la presenza di Barbara Berardi, Nunzio Dolce, oltre quella di Gennaro Amato, e quella dei consiglieri AFINA, Antonio Schiano, Domenico Senese, Stanislao Esposito, Corrado Rizzardi, Ugo Lanzetta, Cataldo Aprea. Un consiglio direttivo che assicura una rappresentanza completa dei settori della filiera della nautica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove