15 gennaio 2020

Sanlorenzo partner del Peggy Guggenheim di Venezia

Sanlorenzo sostiene una delle più prestigiose realtà artistiche internazionali, parte del network che include il Museo Solomon R. Guggenheim a New York e il Guggenheim Museum Bilbao

Sanlorenzo riconferma il proprio legame con il mondo dell’arte avviando una collaborazione pluriennale con la Collezione Peggy Guggenheim di Venezia e diventa Institutional Patron del museo, il livello associativo più alto dedicato al mondo aziendale. Una collaborazione che sancisce il ruolo fondamentale svolto dal mondo dell’imprenditoria a sostegno dello sviluppo della cultura e dell’arte.

Sanlorenzo integra così sempre più l’arte nel proprio DNA proseguendo nel percorso avviato qualche anno fa, attraverso le collaborazioni con importanti gallerie e istituzioni culturali, e che ha sancito la volontà del brand di affiancarsi alle più prestigiose eccellenze in questo ambito, grazie anche al recente accordo di global partnership con Art Basel, la fiera d’arte moderna e contemporanea più significativa sulla scena internazionale, per gli appuntamenti annuali di Hong Kong, Basilea e Miami Beach.

La prima mostra sostenuta da Sanlorenzo con la Collezione Peggy Guggenheim sarà “Migrating Objects: arte dall’Africa, Oceania e le Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim” che aprirà al pubblico dal 15 febbraio al 14 giugno 2020. La mostra intende esaminare un momento cruciale, seppur meno conosciuto, delle peregrinazioni della mecenate e collezionista Peggy Guggenheim: l’interesse mostrato negli anni ’50 e ’60 per le arti dell’Africa, dell’Oceania e delle Americhe. In quegli anni Peggy Guggenheim acquista opere di artisti appartenenti a culture di tutto il mondo, incluse sculture d’inizio Novecento provenienti dal Mali, dalla Costa d’Avorio e dalla Nuova Guinea, e opere delle antiche culture del Messico e del Perù. Migrating Objects: arte dall’Africa, Oceania e le Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim presenterà questi oggetti affiancati a opere europee della collezione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove