Superyacht Cup Palma, al via la 25° edizione

La Superyacht Cup Palma, istituita nel 1996, è la regata di superyacht più longeva in Europa e celebra quest’anno il 25° anniversario. Abbiamo intervistato l'event director Kate Branagh

1/4

La Superyacht Cup Palma, istituita nel 1996, è la regata di superyacht più longeva in

Europa e celebra quest’anno il 25° anniversario. L'evento attrae alcune dei più grandi e prestigiosi yacht a vela del mondo nella bellissima isola di Maiorca per uno spettacolare festa della vela. Nelle edizioni normali, libere da restrizioni pandemiche, la Superyacht Cup prevede anche un ambiente sociale privato e informale per fare rete al Race Village, che diventa il punto di riferimento per armatori, ospiti, sponsor e velisti dopo ogni giornata di regata. Nel 2021 purtroppo gli eventi sociali dipenderanno dalle restrizioni locali sulla pandemia. La Superyacht Cup Palma ha spostato il suo centro operativo nel Real Club Náutico de Palma, nel cuore della città. Ospitare la regata qui consentirà un miglior grado di flessibilità in termini di eventi sociali in caso di abolizione delle restrizioni e fornisce un elegante e sfondo storico per gli incontri divertenti e informali caratteristici della Superyacht Cup dove armatori, ospiti, capitani e parti interessate possono socializzare e fare rete. Abbiamo avuto la fortuna di intervistare Kate Branagh, direttore dell’evento e armatrice.

Quali eventi mondani avete in programma per questa edizione?

"La Superyacht Cup Palma è famosa per i suoi incontri sociali informali e ricercati,

tuttavia quest'anno a causa delle restrizioni in corso abbiamo ridotto questo lato dell'evento e ci stiamo concentrando sulle regate. Abbiamo in programma un cocktail di benvenuto molto piccolo, solo su invito, presso la nostra nuova sede, il Real Club Náutico de Palma la prima sera per i proprietari, loro capitani e rappresentanti dei nostri sponsor dell'evento. E l'ultimo giorno avremo un breve premiazioni dopo le gare. Entrambi gli eventi si terranno all'aperto. Abbiamo intenzione di fare il meglio che possiamo entro le restrizioni che abbiamo per rendere sicura l'esperienza per i nostri concorrenti e sponsor".

Cos'ha di speciale questa edizione del 25° anniversario?

"Un 25° anniversario è un traguardo importante; è la regata di superyacht più longeva in Europa, e siamo orgogliosi di essere i custodi di un evento così speciale e di portarlo avanti nei suoi prossimi 25 anni! Quando è iniziata, la Superyacht Cup Palma era solo una celebrazione per la fine della stagione per gli equipaggi che erano già a Palma e si preparavano ad andare ai Caraibi, i superyacht non venivano da tutto il mondo per parteciparvi come fanno oggi. Le barche erano utilizzate principalmente per charter o crociere in quei tempi e uno degli aspetti unici della Superyacht Cup Palma era e continua ad essere che raduna barche che normalmente operano in isolamento per gareggiare l'una contro l'altra. L'anima della manifestazione è rimasta quella di 20 anni fa, è un festival di vela per un gruppo di appassionati dei loro superyacht e delle regate, che amano l'unicità dello spirito dell'evento che pone l'accento sulle regate, pur mantenendo il lato sociale dell’evento informale e divertente. Oggi gli armatori in particolare godono di questo aspetto. Come fanno i nostri partner che, pur trattandosi di un evento privato, apprezzano l'associazione e vedono aumentare il valore della propria presenza al Race Village e attraverso l'esposizione globale che l’evento guadagna sempre più. La Superyacht Cup Palma si è evoluta gradualmente in un quarto di secolo, e così è stato per le barche e per la portata dell'evento in termini di copertura, popolarità e il seguito e oggi è un evento di cui si parla nei circoli velici di tutto il mondo".

Come è cambiata la regata negli ultimi anni?

"Ci siamo sviluppati gradualmente nel corso degli anni da un piccolissimo raduno alla fine del stagione mediterranea ad un evento che nel 2007 ha visto regatare 52 superyacht mentre la Coppa America era a Valencia. È cresciuto immensamente in popolarità tra armatori, equipaggi in gara e sponsor, e lavoriamo duramente per mantenere la sua essenza poiché è ciò che permette alle persone di tornare anno dopo anno. In termini di cambiamenti, negli ultimi sette o otto anni abbiamo sviluppato il lato sicurezza e l'equità del rating. Abbiamo investito nella regola di stazza che governa il funzionamento degli handicap che oggi considerano molti più aspetti che influenzano le prestazioni della barca. In precedenza, la regola prendeva in considerazione solo la superficie velica, la lunghezza fuori tutto e dislocamento, ora c'è un processo molto approfondito per determinare il rating di una barca che tiene conto del loro intero piano velico, della forma dello scafo, delle appendici, del rig, della velocità dei winch, tutti aspetti di come le barche possono essere condotte in modo competitivo. Le prestazioni sono ora molto importanti e le barche lavorano duramente per avere il miglior punteggio possibile e sulla navigazione nel modo più efficiente. Dobbiamo considerare tutto questo per determinare un sistema equo di giudicare una barca contro un'altra".

Guardando al futuro, su quali cambiamenti stai lavorando?

"La Superyacht Cup Palma è ben nota come un evento pionieristico che è costantemente alla ricerca di modi per costruire sul suo successo e migliorare l'esperienza per armatori e le parti interessate, cerchiamo di rimanere sintonizzati su ciò che gli armatori vogliono dalle regate di superyacht. Di recente abbiamo introdotto una classe Corinthian per gli armatori che sono più interessati a navigare solo con amici e famiglia piuttosto che portare un equipaggio professionale e all'altro estremo abbiamo anche la possibilità di includere una Performance Class per coloro che vogliono partire con la flotta e gareggiare contro l'un l'altro in modo ravvicinato. Il nostro obiettivo principale rimane comunque la nostra classe centrale Superyacht, quello che abbiamo iniziato 25 anni fa e lo sviluppo delle regate per quella classe è l’aspetto più importante. Guardando avanti, con il varo di tante nuove barche, è importante per il futuro dell'evento piacere alle barche della prossima generazione".

Gli armatori sono sempre a bordo durante le regate?

"Sì, ora lo sono, nei primi tempi non sempre!"

Come affrontate il ​​tema della sostenibilità? Quali azioni e attività svolgete prevedete?

"Quest'anno è un po' diverso perché non gestiamo noi la sede della regata avendo spostato l'evento al Real Club Náutico de Palma. Ma detto questo, continueremo scoraggiare la plastica monouso, ove possibile assicurare il riciclaggio, evitare inutili stampe (incoraggiare l'uso di documenti digitali) e incoraggiare i nostri iscritti a seguire le migliori abitudini a bordo per la riduzione dei rifiuti. Negli anni normali, nella nostra sede, avevamo un programma dedicato all’acqua con la fornitura di bottiglie ricaricabili e una stazione di rifornimento, cosa che non possiamo fare quest'anno, ma stiamo comunque fornendo bottiglie riutilizzabili. Noi naturalmente ricicliamo e collaboriamo con un ente di beneficenza ambientale locale per promuovere i parchi marini delle Baleari ai superyacht presenti".

È possibile seguire la regata in diretta online?

"Sì, è disponibile il monitoraggio in tempo reale sul nostro sito web dall'inizio delle regate giovedì 24 giugno. Avremo anche tutti i giorni video e gallerie fotografiche per consentire alle persone di godersi l'azione senza essere sul posto e aggiornamenti regolari attraverso i nostri canali di social media: siamo su Facebook, Twitter, YouTube e Instagram".

C'è qualche collaborazione con The St Barth's Bucket race?

"Lavoriamo a stretto contatto per seguire protocolli simili e aiutarci a vicenda con condivisione informazioni - per molti anni abbiamo avuto un ottimo rapporto. Molti dei nostri iscritti hanno fatto la Bucket race e viceversa".

1/25

Dichiarazioni dei protagonisti

Murray Jones

“Ottime condizioni, grandi regate, divertimento a terra e un'eccellente opportunità per le aziende di fare rete sullo sfondo di Palma. La Superyacht Cup Palma è un appuntamento fisso nel mio

calendario – congratulazioni per i 25 anni!”

Mike Sanderson

"Maiorca è un posto molto speciale per navigare, ho gareggiato su molti yacht diversi in molti posti diversi e superyacht e Palma sono un binomio imprescindibile. Adoro questo evento, è il pacchetto completo – buona vela e buon divertimento –, è sempre un piacere regatare qui e questa è una parte importante del fascino duraturo della Superyacht Cup Palma".

Tom Dodson

“Ho sempre partecipato alla Superyacht Cup Palma su Velsheda, ed è una dei nostro puoghi preferiti per gareggiare e socializzare con gli altri equipaggi nel villaggio. La baia di Palma è

famosa per la sua affidabile brezza marina e il centro storico per i suoi numerosi ristoranti e bar da frequentare con gli amici. Congratulazioni per i 25 anni!”

Bouwe Bekking

"La cosa bella delle regate a Palma sono le condizioni meteo. Puoi guardare il tuo orologio e

sapere che in un paio d'ore avrai circa 12 nodi di vento, forse anche un po' di più. È il più vicino possibile alla navigazione garantita, quindi non sorprende che gli armatori – e gli equipaggi – non vedono l'ora di tornare alla Superyacht Cup Palma anno dopo anno. Anche l'atmosfera dell'evento è fantastica: regate serie ma rilassate, una magica combinazione".

Peter Holmberg

"Sono gli armatori che scelgono sempre la Superyacht Cup Palma, è sempre, uno degli eventi "da non perdere", e tende a soddisfare molto bene i loro stili e le loro richieste. È un ulteriore vantaggio che anche gli equipaggi amino davvero navigare qui. Quindi, è un'ottima soluzione. Venticinque anni e sta ancora andando forte, questo parla da sé!"

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove