Test De Antonio D42: come naviga la barca con i fuoribordo a scomparsa

Un 12 metri spagnolo spinto da tre fuoribordo nascosti sotto al prendisole di poppa. Una soluzione che facilita la manutenzione e regala una grande plancetta di poppa. Sottocoperta ha interni con cabina a prua, dinette e bagno

1/5

Un 42 piedi generoso con layout e motorizzazioni originali: il D42 del cantiere spagnolo De Antonio è tutto questo e anche qualcosa di più. La scelta di avere a poppa tre propulsori fuoribordo che non si vedono, nascosti sotto al solarium, rappresenta senz’altro una concezione particolare, senza i “difetti” che questa soluzione solitamente comporta.

La plancetta di poppa, infatti, non soltanto è funzionale e praticabile, ma vanta dimensioni anche superiori alla media degli scafi di pari dimensioni. La conseguenza di aver abbandonato la più classica e scontata motorizzazione entrobordo o entrofuoribordo è la facilità della gestione dei fuoribordo e l’aumento dei volumi abitabili. Insomma difetti annullati e comodità privilegiata, che si trasforma anche in una più facile manutenzione.

1/14

In navigazione

La velocità massima, quasi 40 nodi con un bel carico umano a bordo, la dice lunga sul carattere di questo scafo catalano. La sportività, infatti, è il suo segno distintivo ma senza sacrificare tutte le sue doti crocieristiche.

Mettersi al timone si traduce in un’esperienza divertente, il D42 è tanto docile quanto reattivo senza mai scomporsi: i tre fuoribordo Mercury fanno il loro dovere con grinta e potenza e lo portano in planata in meno di 6 secondi a 17 nodi. Il limite di planata, invece, è 14 nodi, ma scende a meno di 12 con l’ausilio dei flap. Grazie alle tre eliche il De Antonio regala anche una affidabile stabilità di rotta che non confligge, però, con una apprezzabile agilità che ne conferma il carattere sportivo e il divertimento.

Per l’occasione il mare del golfo di Barcellona è calmo, così si deve ricorrere al “fai da te” passando sulle nostre onde: il D42 non fa una piega, passa sulle creste, modeste ma ripide e ravvicinate sorprendendo per la dolcezza del passaggio.

È la conferma della validità della carena a due gradini concepita e disegnata in cantiere, che si aggiunge a una interessante velocità di crociera, oltre i 23 nodi al regime di 4.500 giri.

La grande piattaforma a poppa può abbassarsi con il servocomando idraulico e precede il prendisole per quattro persone che nasconde i tre fuoribordo sottostanti.

Alzandone una parte si scopre una bella sorpresa: una “fessura” verticale permette il ricovero del tender. In pozzetto è arredato con un divano a U, una coppia di tavolini e altre due poltroncine con quattro posti.

È completato con il blocco cucina (fuochi, lavello e frigo) a cui si appoggiano ben quattro poltrone davanti alla consolle protetta da un parabrezza fumé con la ruota del timone sulla destra e l’accesso agli interni sulla sinistra.

Facile la circolazione grazie ai passavanti liberi da poppa a prua, zona dove è situato un altro prendisole fronte-mare e un divanetto.

1/8

Interni

Con la discesa di cinque gradini si scoprono gli interni dai raffinati colori tenui e accoglienti. La dinette è a poppavia della scaletta di discesa, un ambiente elegante con divani bianchi a U che possono trasformarsi in un letto matrimoniale.

Verso prua, sulla destra, il locale toilette con doccia separata al servizio della cabina armatoriale inserita nella V di prua. In tutti gli interni si respira un’atmosfera di eleganza senza eccessi che rende i locali piacevoli da vivere.

Scheda tecnica

Prezzo di listino

Euro 290.000 Iva esclusa senza motori.

Tre Mercury Verado 350 cv euro 99.990 + Iva.

I dati

Lunghezza f.t. m 12,10

Larghezza m 3,99

Pescaggio m 0,60

Dislocamento a vuoto kg 8.000

Serbatoio acqua lt 250

Serbatoio carburante lt 950

Motori Mercury Verado cv 350 x 3

Omologazione CE categoria B

Progetto Ufficio tecnico del cantiere

Indirizzi

De Antonio Yachts, Barcellona, Spagna. In Italia: Pedetti Yacht Sales, Lavagna (Ge), tel. 0185.370164; www.pedettiyacht.com

Costruzione

Scafo laminato a mano con resina vinilestere

https://www.deantonioyachts.com/


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove