01 August 2022

Un nuovo travel lift per Esaom Cesa

Grazie al nuovo travel lift di Esaom Cesa potranno essere movimentate e posizionate in piazzale imbarcazioni fino a 65 m nonché super yacht a vela senza disalberare con un totale di 7 posti a terra per questa misura.

1/3

È una delle macchine più grandi e innovative per alaggio e varo del Mediterraneo, il nuovo travel-lift da 880 tonnellate che da qualche giorno svetta nei piazzali di Esaom a Portoferraio. Esaom ha scelto uno dei leader di settore, l’italiana Cimolai Technology per la fornitura di questa macchina destinata a far crescere le dimensioni della flotta di super yacht che sceglie il Cantiere elbano per i lavori di manutenzione, riparazione e refitting. Il travel lift di ultima generazione, è un modello custom completamente regolabile, che è stato progettato per operare su uno scalo di ben 14 metri.

Potranno essere movimentate e posizionate in piazzale imbarcazioni fino a 65 m nonché super yacht a vela senza disalberare con un totale di 7 posti a terra per questa misura.

L’installazione del nuovo travel lift è solo l’inizio di una fase di profonda ristrutturazione dello storico Cantiere Navale di Portoferraio che nei prossimi mesi vedrà anche la realizzazione di nuovi posti in banchina, mentre è già operativo un accosto tecnico per l’ormeggio di yacht fino a 65 metri di lunghezza.

«E’ una grande opportunità di sviluppo per l’azienda - dichiara Umberto Buzzoni, Presidente & CEO di Esaom Cesa -, puntiamo da essere competitivi in una fascia di mercato che sta avendo un forte trend di crescita con scarsa presenza di infrastrutture in grado di ospitare queste imbarcazioni. L’Isola d’Elba e nello specifico Portoferraio hanno l’opportunità di diventare un punto di riferimento per la nautica italiana. Grazie a questo investimento gli armatori i comandanti ed equipaggi di queste navi avranno modo di conoscere e visitare l’Isola, scoprirne le bellezze e diventare nostri ambasciatori nel mondo».

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove