09 aprile 2019

A Venezia la Giornata del mare

Anche quest’anno, giovedì 11 aprile, torna la «Giornata nazionale del Mare e della Cultura Marina» istituita ufficialmente nel 2017 in occasione della revisione del Codice della nautica da diporto al fine di valorizzare l’educazione marinaresca e diffondere la cultura e la conoscenza del mare quale elemento di sviluppo sociale

Sulla base di un accordo di collaborazione tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto / Guardia Costiera, anche nell’ambito della Regione Veneto saranno organizzati una serie di eventi e iniziative rivolti soprattutto alle giovani generazioni con l’intento di stimolare negli studenti la consapevolezza del mare quale risorsa di grande valore sociale, economico, scientifico, storico, ricreativo e culturale.

Grazie anche al contributo e patrocinio fornito dall’Autorità di Sistema Portuale, nel corso dell’intera giornata, più di 30 militari della Direzione Marittima di Venezia e di tutti i Comandi territoriali dipendenti saranno presenti, insieme ai referenti della Lega Navale, in più di 25 Istituti scolastici di ogni ordine grado per diffondere a oltre 2.500 alunni i valori della sicurezza, della tradizione, del rispetto e della tutela di uno dei patrimoni naturali più rilevanti per il territorio nazionale.

L’obiettivo è quello di infondere nei giovani interesse, coscienza e responsabilità in modo da costruire un’opinione pubblica attiva e sensibile capace di porre in essere quotidianamente azioni a protezione e tutela di un bene, il mare, vitale per tutta la comunità.

Per informazioni: Capitaneria di Porto di Venezia, Dorsoduro, Venezia, tel. 041.2405711 venezia@guardiacostiera.it

Programma
Introduzione
Come si fa a spiegare il mare a chi lo guarda e vede solo acqua: consigli utili per una corretta fruizione del mare
Tutela ambientale :Microplastiche @microplasticagc
Norme di etichetta : Lega navale
Sicurezza in mare e sicurezza del mare: Guardia Costiera - chi siamo e cosa facciamo
Conclusioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove