22 September 2022

Volvo Penta lancia un gruppo elettrogeno per la propulsione elettrica marina

La gamma di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile, consente ai cantieri navali di installare oggi sistemi di propulsione modulare ibrido-elettrico

Volvo Penta ha lanciato una nuova gamma di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile, un fattore chiave per la propulsione elettrica per le navi marittime, a dimostrazione dell'impegno dell'azienda a guidare l'industria marittima nella sua trasformazione verso la propulsione marina sostenibile.

Ora una parte standard dell'offerta marina di Volvo Penta, la gamma di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile, consente ai cantieri navali di installare oggi sistemi di propulsione modulare ibrido-elettrico. Questo importante passaggio verso la propulsione modulare consente agli operatori di investire in nuove navi, con la tranquillità che queste siano pronte e adattabili per le nuove fonti di energia alternativa.

La gamma di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile è una parte fondamentale delle soluzioni Volvo Penta progettate per applicazioni ibride ed elettriche. I gruppi elettrogeni marini a velocità variabile consentono di costruire navi con banchi di batterie più piccoli e di caricarli mentre sono in movimento, il che rende il passaggio alla propulsione marina ibrida-elettrica oggi più conveniente e accessibile. Questa tecnologia è già utilizzata dai clienti Volvo Penta, come Swedish Transport Administration e MHO-Co.

Con la tecnologia che ora funziona in modo efficiente, in applicazioni collaudate nel mondo reale, Volvo Penta offre la gamma con modelli a partire da D8, 190 kWe e fino a 545 KWe per il D16. Inoltre, tutti i motori diesel Volvo Penta possono funzionare con carburante HVO 100, invece del diesel standard, per ridurre le emissioni di CO2 fossile fino al 90 percento.

«Rendere maggiormente disponibili i nostri gruppi elettrogeni marini a velocità variabile ci porta ancora più avanti nel nostro viaggio verso una propulsione elettrica per l'industria marittima - ha affermato Johan Inden, responsabile del settore marittimo di Volvo Penta -. Ora un numero maggiore di navi sarà in grado di installare sistemi di propulsione ibrida modulari, pronti per essere adattati alle future scelte energetiche, offrendo nel frattempo importanti guadagni in termini di sostenibilità ed efficienza del carburante sin dal primo giorno».

Come funziona

Un'installazione tipica vede una serie modulare di gruppi elettrogeni marini a velocità variabile installati per alimentare azionamenti elettrici con o senza pacchi batteria. Questo sistema di rete a corrente continua (CC) è facile da aggiornare con fonti di alimentazione alternative e ha meno componenti, con un peso inferiore, soprattutto se paragonato alle batterie come unico vettore energetico, rendendo l'imbarcazione più efficiente.

L'installazione modulare crea anche la possibilità di utilizzare il numero minimo di motori per fornire la potenza necessaria in modo che i gruppi elettrogeni marini siano in grado di funzionare nel punto ottimale dell'efficienza.

La flessibilità di un'installazione modulare è ulteriormente amplificata dal fatto che i nuovi gruppi elettrogeni marini a velocità variabile Volvo Penta, in ciascuna delle rispettive gamme di potenza, sono le soluzioni più compatte che soddisfano le ultime normative IMO Tier III. Sono anche raffreddati ad acqua, il che significa meno rumore e maggiore efficienza.

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove