di Tommasino Gazo - 03 ottobre 2019

Zodiac Medline 7.5, la prova

Battello per le uscite in giornata, il nuovo Zodiac si distingue per le capacità della carena e la versatilità dello spazio in coperta. La prova a Hyères, in Francia, con 15 nodi e mare formato

1/8

Vuole indubbiamente recitare una parte importante tra i protagonisti del settore. E il nuovo Medline 7.5 di casa Zodiac ha tutte le carte in regola per rispettare il compito. L’ultimo modello dell’azienda francese - che i gommoni li ha inventati - si candida, infatti, come semirigido in grado di soddisfare gli amanti delle uscite in mare con famiglia e amici alla ricerca delle acque più limpide. A poppa un fuoribordo 300 cavalli Yamaha gli conferisce una notevole ambivalenza, sia per quanto riguarda le prestazioni sia per l’attitudine ad accogliere tanti ospiti stanchi di sdraio e ombrellone.

La rada di Hyères è il teatro del nostro test per questo 7 metri e mezzo. Libeccio di 15 nodi con onda corta mettono a dura prova la sua carena, ma il nostro Medline non si lascia intimorire da condizioni meteo indubbiamente probanti. Anzi, l’efficiente carena a V profonda con il 300 Yamaha permettono di farla da padrone: l’urlo rabbioso del propulsore 6 cilindri lo lanciano letteralmente in planata in meno di 4 secondi a circa 12 nodi per poi renderlo dominatore di quella fastidiosa onda corta.

I colpi sulle creste strappate dal vento sono quasi inavvertibili, il Medline viaggia stabile con la sicurezza della potenza e dell’efficienza che regalano l’impressione di navigare non contro, ma sopra le onde. Assetto orizzontale, ottima visibilità, virate senza la minima sbavatura: la carena si dimostra perfettamente a suo agio e il propulsore sembra nato proprio per quello scafo. Lo dimostra anche nelle virate dove riesce a compiere giri a 360 gradi in tutta sicurezza e con scarsa perdita di velocità e senza dare neppure il minimo segno di cavitazione, nella notevole stabilità di rotta e nelle prestazione assolute.

Il cantiere francese può dimostrare che questo semirigido ha raggiunto i 48 nodi di massima, prestazione che, nella turbolenta rada di Hyères nel pomeriggio del test, non erano possibili dovendo limitarci a sfiorare i 40. Interessante anche la velocità di crociera che si attesta a 25 nodi con il motore a 3.500 giri e con la conseguente modestia nei consumi.

Se, con queste prerogative, soddisfa i fanatici della velocità sull’acqua, la coperta non è da meno per gli ospiti seduti al sole e al tuffo in acque pulite. A poppa, infatti, è realizzata un’area “conviviale” con divano a U per baglio che circonda un tavolino eliminabile per creare un ampio prendisole. Un mobile cucina con lavello è al servizio di quest’area mentre fa da divisore dalla timoneria, abbattibile per l’accesso agli impianti, con due sedili indipendenti.

Il passaggio a sinistra permette di accedere alla zona di prua che conferma l’accoglienza di questo gommone con un grande prendisole. Non manca l’opportunità di soddisfare il proprio senso estetico. Il Medline 7.5 viene infatti proposto in 24 diverse combinazioni di colori, e Zodiac ha predisposto un apposito configuratore online per accordare le tonalità della carena a coperta, tubolari e tappezzeria, oltre alla variegata scelta di optional, dal roll-bar al frigorifero 43 litri, dal fornello all’impianto hi-fi e alla coperta in materiale sintetico “Eva deck”.

Le prestazioni

Regime (rpm) Velocità (nodi) Consumo (lt/h)

600 3,0 2,5
1.000 6,1 5,0
1.500 8,0 7,9
2.000 10,0 13,3
2.500 14,5 20,0
3.000 20,0 24,2
3.500 26,5 32,0
4.000 31,0 40,5
4.500 35,0 51,0
4.800 39,9 67,0

I dati

Indirizzi

Cantiere Zodiac, Francia.

Lista dealer su www.zodiac-nautic.com/it

I dati

Lunghezza f.t.m 7,34

Lunghezza abitabile m 6,16

Larghezza m 2,90

Larghezza abitabile m 1,67

Diametro tubolari m 0,60

Dislocamento kg 1.150

Compartimenti stagni n. 5

Tubolari in Neoprene/Hypalon 1.500 gr

Serbatoio carburante lt 100

Serbatoio acqua lt 50

Motore FB1 Yamaha x 300 cv

Omolog CEcat B - C

Prezzo di listino € 38.000

Iva esclusa con scafo bianco senza motore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove