x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

European Yacht of the Year, premiate le cinque regine!

28 gennaio 2017
  • Salva
  • Condividi
  • 1/24
    I cinque vincitori dell'European Yacht of the Year 2017 sono stati annunciati durante il salone di Düsseldorf: Oceanis Yacht 62, Pogo 36, RM 970, Outremer 4X e Seascape 24. Ecco tutte le foto e i video delle barche che hanno vinto!

    European yacht of the year, premiate le cinque regine!

     

     

     

     

     

     

    Al salone di Düsseldorf sono stati annunciatI i vincitori dell'European Yacht of the Year 2017, premio internazionale di cui fanno parte undici tra le più importanti riviste europee, l'Italia è rappresentata da Vela e Motore

     

    I VINCITORI DELL'EUROPEAN YACHT OF THE YEAR 2017

    Oceanis Yacht 62 - Luxury Cruiser

    Pogo 36 - Performance Cruiser

    RM 970 - Family Cruiser

    Outremer 4X - Multihulls

    Seascape 24 - Special Yachts

     

    LE REGOLE

    Le più importanti che governano l’EYOTY sono quelle che regolano la votazione: i giurati non possono votare per le barche prodotte nella propria nazione e ogni rivista ha diritto a un solo voto, quindi hanno tutte lo stesso peso. Sono previste le categorie Family cruiser, Performance cruiser, Luxury cruiser, Special e Multiscafi. All’occorrenza una categoria può essere modificata o può essere assegnato un premio speciale. In ogni categoria vengono nominate cinque imbarcazioni secondo i seguenti criteri: prestazioni, vivibilità e comfort, caratteristiche costruttive, rapporto qualità/prezzo, estetica, innovazione. Una volta nominate le barche, i cantieri sono invitati a metterle a disposizione in due sessioni di prove, di solito una in Mediterraneo e una al nord, quest’anno sono state scelte Cannes e La Rochelle, entrambe in Francia. Le prove sono obbligatorie pena l’eliminazione dalle nomination.

     

    SEA TRIAL A CANNES E LA ROCHELLE

    Le prove si sono svolte tra il Port Vieux di Cannes e il Port des Minimes di La Rochelle, entrambi in Francia, e sempre con venti medio/leggeri, fattore che ha permesso una buona uniformità nelle prestazioni dei 24 modelli (il Bestevaer 45 ST Pure è stato costretto a rinunciare all’ultimo momento). Il metodo di lavoro prevede turni serrati, perché tutti e gli undici giornalisti devono navigare con tutte le imbarcazioni nominate: si parte alle 8 di mattina e si torna alle 7 di sera. Il che significa, a La Rochelle, iniziare e finire pressoché al buio. Ogni giornalista dispone di un paio di ore per navigare con ogni modello e i cambi avvengono grazie al supporto di un mezzo messo a disposizione da ciascun porto.

     

    Quest'anno durante le prove, per tracciare con precisione le prestazioni di tutte le imbarcazioni, abbiamo potuto sfruttare il Boat Monitor di Sentinel, un piccolo strumento che si connette alla presa 12V e che registra posizione, rotta e velocità della barca. Collegato a diversi sensori, può trasmettere allarmi e intrusioni a un telefono su cui è stata scaricata l'omonima app. In questo modo è possibile essere sempre connessi alla propria imbarcazione e monitorarla da lontano. L'azienda croata offre anche altri sistemi dedicati alle flotte charter.

     

    La parte più interessante è il metodo di lavoro: alla fine di ogni giornata ci si ritrova tutti in una sala riunioni per condividere idee, sensazioni, esperienze e punti di vista che servono a iniziare a mettere nero su bianco una traccia che verrà poi usata per le decisioni finali a Düsseldorf. Interessante osservare la “scontro” culturale che avviene durante le prove e le discussioni, durante le quali emergono con chiarezza le tradizioni e la cultura nautica di ogni nazione: norvegesi e svedesi, ad esempio, non danno la stessa importanza alle zone prendisole che diamo noi italiani; come per noi, magari, sono più importanti le prestazioni con arie leggere che non in burrasca. Partecipare ai sea trial equivale a un corso super accelerato di navigazione e cultura nautica!

     

    LE 11 RIVISTE E I GIORNALISTI COINVOLTI

    1. Yacht (GER) - Jochen Rieker

    2. Yachting World (UK) - Toby Hodges

    3. Voile et Voilers (FRA) - Loïc Madeline

    4. La Factoria Náutica (SPA) - Pantxo Pi-Sunyer

    5. Seilas (NOR) - Axel Niessen-Lie

    6. Badnyt (DAN) - Troels Lykke 

    7. Yacht Revue (AUT) - Roland Duller

    8. Batnytt (SVE) - Joakim Hermansson 

    9. Water Kampioen (NED) - Bert Bosman

    10. Marina Ch (CH) - Lori Shüpbach

    11. Vela e Motore (ITA) - Alberto Mariotti 

     

    LE ITALIANE CHE HANNO VINTO IN PASSATO

    Tra i vincitori italiani ricordiamo il Comet 45 nel 2005; Sly 42 e Comet 52rs nel 2008; Grand Soleil 46 nel 2010; Italia Yachts 13.98 nel 2013; Advanced Yachts 44 nel 2015, Grand Soleil 46LC e Solaris 50 nel 2016.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta