Ancora difficoltà per l'Italia

31 July 2012
Ancora difficoltà per l'Italia
Si sperava nel riscatto azzurro nella seconda giornata olimpica qui a Weymouth e invece le cose non sono andate molto bene. Giornata iniziata con il sole e terminata con vento forte, onda, freddo e pioggia in serata.

Ancora difficoltà per l'italia

Si sperava nel riscatto azzurro nella seconda giornata olimpica qui a Weymouth e invece le cose non sono andate molto bene. Giornata iniziata con il sole e terminata con vento forte, onda, freddo e pioggia in serata. Sono state sei le classi in acqua con il debutto olimpico per Giuseppe Angilella al timone del 49er con Gianfranco Sibello, Michele Regolo con il Laser e Francesca Clapcich con il Laser Radial. Per loro questa è la prima Olimpiade. In acqua poi anche Star, Finn ed Elliot 6m.

Le uniche note positive sono arrivate dal doppio acrobatico, il 49er, in cui i nostri sono ora al 14° posto della classifica grazie a un 14° e un 11° posto. Non male e i ragazzi possono ancora crescere. Al comando ci sono i danesi Norregaard/Lang davanti agli svedesi Geijer/During e ai super favoriti australiani Outterudge/Jensen, ottavi e primi. Bene anche i francesi Dyen/Christidis.

Con un 31° e un 35° il marchigiano Michele Regolo nella classe Laser è per ora solo 34°, e poteva essere anche peggio. Al primo posto il fortissimo australiano Tom Slingsby davanti al guatemalco Maegli Aguero e al croato Stipanovic.

Nel Laser Radial femminile Francesca Clapcich ha mostra di avere un buon passo anche se poi è stata risucchiata nella mischia, per ora è al sedici posto dopo un 20° e un 16° posto. Non male per una giovanissima alla prima giornata olimpica. In testa c’è l’irlandese Murphy seguita dalla belga Van Acker e dall’olandese Bouwmeester.

Nei Finn si aspettava il riscatto di Filippo Baldassari ma non è arrivato, non solo: l’italiano è andato quasi peggio del giorno prima e ora è all’ultimo posto della classifica dopo un 24° e un 21° posto. In testa c’è il danese Hoegh-Christensen davanti al francese Lobert all’inglese Ben Ainslie, che oggi nella quarta prova ha stupito, in negativo, per un opaco 12° posto.

Nelle Star la classifica è una sorpresa: in testa non ci sono i brasiliani Scheidt/Prada ma gli inglesi Percy/Simpson davanti a norvegesi Melleby/Morland Pedersen e agli svedesi Loof/Salminen.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta