07 gennaio 2013

Eric Brossier, il signore dei ghiacci

Eric Brossier e la sua famiglia vivono il lungo inverno del Grande Nord avvolti nei ghiacci dell’Artico canadese in attesa che arrivi il disgelo. Vediamo come...

Eric brossier, il signore dei ghiacci

Lui, lo conosciamo da qualche tempo, è Eric Brossier, ha lasciato il suo lavoro di geofisico a Parigi, una vita tranquilla, una carriera assicurata, ha comprato una barca a vela, Vagabond, per farne la sua casa e nello stesso tempo un campo base per esplorazioni nell’Artico.

Lei, France Pinczon du Sel, è il secondo a bordo, navigatrice e acquarellista, ha incontrato Eric al Salone nautico di Parigi nel 1999. L’avventura è iniziata così.

Da maggio 2002 a ottobre 2003, in 17 mesi di spedizione e 20.000 miglia percorse intorno all’Artico, Vagabond è stata la prima barca a vela a circumnavigare l’Artico dopo aver superato il Passaggio a Nord-Est e il Passaggio a Nord-Ovest, le due rotte che collegano gli oceani Atlantico e Pacifico. La successione di questi due passaggi, ciascuno superato senza sosta invernale e senza l’aiuto di un rompighiaccio, è stata una “prima” nella storia della navigazione, ma soprattutto, le emozioni sono state all’altezza delle aspettative.

Da allora sono seguiti diversi viaggi nel Grande Nord e Eric e France vivono insieme e lavorano stabilmente nelle terre dei ghiacci perenni, stregati dalla magia dei grandi silenzi e degli orizzonti senza confini.

Vagabond, la loro casa, è un mezzo per spedizioni concepito per navigare e svernare alle latitudini polari. Lungo poco più di 15 metri e largo 4,20, è stato modificato nel corso delle spedizioni nell’Artico. Eric Brossier ne ha fatto una base logistica attrezzata per scienziati, sportivi o appassionati.

Oggi, all'inizio di questo nuovo anno, li ritroviamo prigionieri dell'Artico Canadese, insieme alle loro figlie Léonie di 5 anni e Aurore di 3. La loro vita scorre tranquilla scandita dai ritmi di una famiglia comune e le piccole crescono avvolte dalla magia dei ghiacci. GUARDA IL VIDEO

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove