22 September 2020

Il bilancio 2020 di Honda Marine

Per la stagione 2021 l’obiettivo è puntato sulle potenze medie in gamma

La stagione nautica italiana 2020 che sta per concludersi è stata molto particolare, avendo presentato una sfida davvero ardua da superare. Honda Marine ha saputo reagire, merito anche di una rete commerciale molto forte sul territorio che è stata capace di rispondere con efficacia all’emergenza, adattandosi rapidamente alle mutate esigenze del mercato. Grazie a questa risposta, incoraggiata anche da iniziative di promozione finanziaria su tutta la gamma, la stagione uscente si chiude con un bilancio estremamente positivo. Ottimi, in genere, i risultati su tutta la gamma, e in particolare sui motori di piccole e medie cilindrate che si sono rivelati la scelta privilegiata delle famiglie in cerca dell’alternativa alle vacanze in spiaggia o all’estero.

Per la stagione 2021 l’obiettivo è puntato sulle potenze medie in gamma. Dopo l’indiscusso successo ottenuto dalla colorazione Sporty White proposta sui motori V6 Drive by Wire, novità della scorsa stagione, la livrea viene proposta anche per il BF150. Il motore, con elevato contenuto di tecnologia e dotato di distribuzione VTEC, è sempre molto apprezzato per prestazioni e consumi contenuti. Alla classica livrea Silver, si affianca il bicolor Sporty White che gli conferisce un aspetto sportivo, ma allo stesso tempo elegante. Il prevalente colore bianco perlato spicca con maggiore carattere sul blu del mare e si integra con maggiore eleganza alla cromia degli scafi bianchi. Il diportista, sempre attento all’aspetto estetico, ha a disposizione una scelta ulteriore su un motore affidabile e dalle ottime prestazioni.

Per il 2021 sarà rinnovata anche la gamma di gommoni e tender Honwave. I nuovi modelli si presentano con un nuovo look premium più moderno e con aggiornamenti tecnici e soluzioni che ne migliorano il comfort e la praticità di utilizzo come l’alloggiamento interno dei remi, le maniglie ad anello e un nuovo rullo di prua.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove