Il J122 Joy vince il trofeo challenge Angelo Randazzo alla Palermo-Montecarlo

La vittoria arriva dopo il successo in tempo reale del Maxi 100’ Arca SGR di Guido e Adalberto Miani.

1/5

Con l’arrivo delle ultime barche della flotta a Montecarlo, si è conclusa ufficialmente la 16ma edizione della Palermo-Montecarlo, la regata offshore organizzata dal Circolo della Vela Sicilia in collaborazione con Yacht Club de Monaco e Yacht Club Costa Smeralda, partita sabato scorso dal golfo di Mondello.

Un’edizione straordinaria, per numero e qualità dei partecipanti, per l’entusiasmante svolgimento e per la gioia disegnata sui volti dei velisti che dopo lo stop forzato dell’anno scorso, non vedevano l’ora di poter affrontare nuovamente le circa 500 miglia della rotta che separano Palermo dal Principato di Monaco.

Una rotta che dopo il successo in tempo reale e la conquista del relativo Trofeo Giuseppe Tasca d’Almerita da parte del Maxi di 100’ Arca SGR di Guido e Adalberto Miani, skipper Furio Benussi, che ha chiuso la regata con il tempo di 59 ore, 3 minuti e 8 secondi, ha premiato anche la straordinaria prestazione del J122 Joy, la barca armata dal Circolo della Vela Sicilia e con a bordo un equipaggio “all CVS” capitanato dallo skipper Edoardo Bonanno e da Gaetano Figlia di Granara.

Joy si è imposto sia nel raggruppamento IRC, aggiudicandosi quindi il prestigioso Trofeo Challenge Angelo Randazzo, che nel raggruppamento ORC International, un exploit eccezionale che è il frutto di una prestazione che ha rasentato la perfezione.

“È andata molto bene, è stata lunga e impegnativa, con un paio di momenti particolarmente complessi: dopo il cancello volante a Porto Cervo, per il tanto vento, e l’ultima botte, in cui abbiamo rischiato qualcosa…”, ha raccontato Edoardo Bonanno appena sceso a terra. “Noi ci teniamo a dare sempre il massimo, poi i risultati vengono da soli, ma questa volta abbiamo corso con un uomo in più: eravamo in 8 ma in realtà a bordo eravamo in 9, perché il ricordo di Piero Majolino non ci ha mai lasciati”.

“Sono davvero molto contento dell’andamento della regata, in generale, e in particolare della prestazione di Joy, la barca del nostro club: i ragazzi sono stati bravissimi, hanno comandato la regata fin dall’inizio, molto concentrati, riuscendo a tirare fuori una grande prestazione”, sono le parole del Presidente del CVS Agostino Randazzo. “Sono felice per il Circolo della Vela Sicilia, perché aspettavamo questo risultato da sei anni, ultima vittoria con Piero Majolino, che ricordiamo tutti con grande affetto. A parte questo, tutti i concorrenti sono stati straordinari, come straordinaria è stata la collaborazione dello Yacht Club de Monaco, che da sempre accoglie al meglio tutti i partecipanti, e dello Yacht Club Costa Smeralda per il Gate alle Bocche di Bonifacio. Per tutti, l’appuntamento è tra un anno, per un Palermo-Montecarlo ancora più bella e speriamo finalmente completa anche delle sue importanti attività collaterali”.

Oltre ad Arca e Joy, gli altri vincitori di questa edizione super della Palermo-Montecarlo sono Aragon (IRC Maxi), Jivaro (IRC B), Loli Fast (IRC B e ORC B x2), Mandalay (IRC A x2), lo stesso Joy (ORC A), Space Jockey (ORC B) e Met White Whales (MOCRA).

Tappa del Campionato Italiano Offshore della Federazione Italiana Vela e dell’IMA Mediterranean Maxi Offshore Challenge, la Palermo-Montecarlo, fiore all’occhiello del Circolo della Vela Sicilia presieduto da Agostino Randazzo, rientrava tra le iniziative promosse dal Comune di Palermo-Assessorato allo Sport ed è stata sponsorizzata da Tasca d’Almerita, Fondazione Sicilia, Radio Monte Carlo, con partner tecnici Caffè Morettino, GVS, Heliocare, R. Motors Toyota e Birra Forst.

www.palermo-montecarlo.it

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove