di Alberto Mariotti - 22 febbraio 2019

Stabilizzatori Quick, addio rollio

Una nuova linea di stabilizzatori per eliminare il rollio della barca in navigazione e in rada. Sono raffreddati ad aria e non necessitano di prese a mare e pompe per l’acqua

Dieci modelli e un range di azione compreso tra 28 e 100 piedi. Sono gli stabilizzatori giroscopici MC²X sviluppati da Quick, capaci di ridurre, secondo l’azienda, fino al 95 per cento del rollio, tanto in navigazione quanto all’ormeggio. Abbiamo provato il modello MC²X 13k su un Dellapasqua DC 13 Elite in navigazione al largo di Genova.

Il “nostro” stabilizzatore ha una coppia di uscita pari a 12.850 Nm, il volano ha una velocità nominale di 4.700 rpm e il peso complessivo è 490 kg. Facilità di installazione e manutenzione con barca in acqua sono tra i punti di forza dei prodotti Quick, dotati di sistema di rotazione del volano su asse orizzontale.

Una soluzione che non solo consente di accenderli sia in navigazione che alla fonda, ma che implica meno stress meccanici, attriti e quindi produzione di calore. Il loro sistema di raffreddamento funziona infatti ad aria e non ad acqua, non servono quindi nuove prese a mare ed elettropompe. L’unico accorgimento da tenere sotto controllo è che in sala macchine la temperatura non salga oltre i 60°. Sono quindi ideali non solo come prima installazione sulle nuove barche, ma anche per retrofit su barche usate. Possono essere installati come unità singola o in più elementi per poter lavorare anche su yacht con dislocamenti importanti.

Durante la nostra prova abbiamo apprezzato la velocità con cui il sistema entra a regime, bastano davvero pochi secondi per sentire la barca fermarsi nonostante le onde che noi stessi abbiamo creato navigando in circolo. Ci è piaciuto inoltre il pannello touch per gestire azioni come attivazione, monitoraggio del funzionamento e controllo della manutenzione. Inoltre è possibile registrare le prestazioni tramite le due app per sistemi mobile iOS e Android.

www.quickitaly.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove