a cura della redazione - 25 febbraio 2019

Raymarine Docksense, come funziona l'ormeggio assistito

Si chiama DockSense ed è il nuovo sistema di ormeggio assistito sviluppato da Raymarine. DockSense viene in aiuto di armatori e comandanti grazie all’integrazione tra le riprese esterne con il sistema di propulsione e di governo dell’imbarcazione

Si chiama DockSense ed è il nuovo sistema di ormeggio assistito sviluppato da Raymarine. Vento forte, corrente, banchine strette e piene di ostacoli, il danno in fase di manovra è sempre in agguato. DockSense viene in aiuto di armatori e comandanti grazie all’integrazione tra le riprese esterne - effettuate con la tecnologia di visione artificiale e l’analisi video Flir - con il sistema di propulsione e di governo dell’imbarcazione. Prestige Yachts, marchio del gruppo Bénéteau, è il primo cantiere a impiegare la tecnologia sulle proprie barche.

Tutto ruota intorno alla tecnologia Virtual Bumper (letteralmente “parabordo virtuale”) intorno all’imbarcazione. Se un ostacolo, come un pilone o un’altra imbarcazione, entra nell’area di rilevazione del Virtual Bumper, DockSense provvederà automaticamente a impartire comandi correttivi di angolo di rotazione e potenza motore per evitare l’ostacolo e assistere il comandante nella fase di ormeggio.

Il sistema è composto da una serie di telecamere termiche Flir, un modulo di elaborazione centrale e l’applicazione DockSense in esecuzione sul display Axiom Raymarine. La soluzione si integra con i moderni sistemi di propulsione a joystick, fornendo comandi di angolo di rotazione e potenza motore assistiti per aiutare i comandanti a effettuare un avvicinamento morbido e senza inconvenienti. DockSense utilizza il GPS e il sistema di riferimento prua e assetto AHRS (Attitude Heading Reference System) per compensare gli effetti del vento e delle correnti e garantire un ormeggio senza problemi o collisioni.

http://www.raymarine.com/docksense/

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove