di Alberto Mariotti - 19 gennaio 2019

European Yacht of the Year, i vincitori!

Oceanis 46.1 in Family Cruiser, Arcona 435 in Performance Cruiser, Sunbeam 46.1 in Luxury Cruiser, Fountaine Pajot Astréa 42 tra i Multiscafi e Lite XP tra le Special Boats sono i cinque vincitori dell'European Yacht of the Year 2019. Tutte le foto e i commenti della giuria

1 di 6
Jim Post, Waterkampioen, NED
L'aspetto industriale può lasciare un po’ di cattivo gusto tra certi velisti, ma sull'Oceanis 46.1 il gusto è buono. Con molta esperienza nella produzione seriale, Beneteau mostra come combinare un'efficace costruzione navale con un prodotto finale moderno e di bell'aspetto. Mixando design moderno con buone capacità di navigazione, lo sviluppo dell'Oceanis 46.1 ha portato a un nuovo e perfetto equilibrio tra comfort e vela.

Axel Nissen-Lie, Seilmagasinet, NOR
Il nuovo 46.1 di Beneteau sostituisce una buona barca. L'architetto navale Pascal Conq è riuscito a creare uno scafo con ancora più rigidità e allo stesso tempo meno resistenza in acqua. Abbiamo navigato nella versione First Line e la versione è all'altezza del suo nome. L'Oceanis 46.1 è un cruiser dalle caratteristiche prestazionali. Con le vele da regata la barca sembra davvero tosta. Sottocoperta l'interno è moderno ed elegante. Le enormi finestre a scafo offrono una vicinanza unica agli elementi, anche dal salotto in stile lounge.

Roland Duller, YachtRevue, AUT
Questo cruiser progettato da Pascal Conq ha molte caratteristiche moderne di design ed è eccezionalmente efficace per quanto riguarda l'uso dello spazio dentro e fuori, la qualità di costruzione e finitura e le prestazioni in navigazione.

Loic Madeline, Voiles & Voiliers, FRA
Abbiamo guardato i volumi. Abbiamo guardato il comfort. Abbiamo guardato la qualità di costruzione. Abbiamo guardato l'ergonomia di tutti i family cruiser in gara per l’EYOTY. Abbiamo trovato molto volume, comfort, qualità costruttiva ed ergonomia nell'Oceanis 46.1. Ma abbiamo anche trovato un ottimo feeling al timone e prestazioni piuttosto buone in un attimo. Navigare a 14 nodi alle andature portanti con 25 nodi di vento è stata sicuramente la ciliegina sulla torta.

Pancho Pi-Suñer, Nautica y Yates, ESP
L’Oceanis 46.1 è, per concetto, un vero cruiser, ma è davvero veloce. Può essere manovrata da una o due persone mentre le vele e le opzioni sul rig e il suo pozzetto ben organizzato danno molte possibilità per “giocare” a un equipaggio completo. Allo stesso tempo è anche, per volume, estremamente vivibile e con molteplici opzioni di layout interno. Sicuramente una barca da crociera molto completa.

Pasi Nuutinen, Vene, FIN
È bello vedere come l'innovativa forma dello scafo dell'Oceanis 46.1 avvantaggi due dei principali fattori della crociera in famiglia: navigazione più fluida e interni più spaziosi. Sotto alla linea di galleggiamento la stretta prua taglia le onde piacevolmente e la ridotta superficie bagnata consente alla barca di raggiungere una velocità di crociera ragionevole anche con venti più leggeri. Quando il vento rinforza, le ampie sezioni a centro barca e poppa danno supporto per una navigazione poco sbandata. All'interno dell'ampio bordo libero svasato offre un buon spazio extra a uno o due cabine di prua come al salone, in posizione piuttosto avazata. L’organizzazione del ponte e del pozzetto hanno un obiettivo chiaro: che l'equipaggio possa fare il suo lavoro senza interferire con quegli ospiti che preferiscono rilassarsi.

Lori Schüpbach, Marina.CH, SUI
Ancora una volta Bénéteau ha fissato nuovi standard. L’Océanis 46.1 è uno yacht da crociera ideale e migliora la sorella maggiore 51.1 per molti aspetti. Le sue caratteristiche di navigazione sono sorprendenti - anche senza le opzioni al top. Inoltre la barca si appoggia sempre perfettamente sul doppio timone e convince con il suo equilibrio. Il successore di Océanis 45 - fino ad ora lo yacht più venduto della sua categoria – rappresenterà debitamente il titolo di European Yacht of the Year.

Joakim Hermansson, BatNytt, SWE
Il nuovo Beneteau Oceanis 46.1 sostituisce il bestseller Oceanis 45 nel segmento più in voga in questo momento, quella della famiglia; confortevole, ben navigabile e con un prezzo competitivo per uno yacht di circa 45 piedi. L'innovativa forma dello scafo offre uno spazio interno impressionante, senza influire negativamente sulle capacità di navigazione. Una soluzione vantaggiosa per tutti che attira l'attenzione su questo yacht.

Morten Brandt-Rasmussen, Bådmagasinet, DEN
In 25-30 nodi di vento e 2-3 metri di onda è andato come una locomotiva sul Mediterraneo sia di bolina che alle andature portanti. La barca era allo stesso tempo rigida e reattiva. Il 46.1 ha molto da offrire e Nauta Yachts Design deve ottenere il credito totale per il proprio lavoro negli interni.

Alberto Mariotti, Vela e Motore, ITA
Dopo un anno di vita e molte barche vendute, la rinnovata gamma Beneteau Oceanis ha dimostrato il potere della nuova filosofia. Ne beneficia il 46.1 che convince ancora di più rispetto al 51.1 dello scorso anno, grazie alle buone prestazioni riscontrabili in una vasta gamma di condizioni e grazie all'ottima sensazione al timone. La versatilità sia del piano velico che degli interni consente alla barca di adattarsi con grande soddisfazione a diversi programmi di navigazione. Inoltre il 46.1 non è solo divertente, ma ha anche un design moderno che non stanca mai.

Toby Hodges, Yachting World, GBR
Il miglior Oceanis di sempre? E se no, sono abbastanza sicuro che diventerà il più popolare. Bénéteau, Finot Conq e Nauta hanno preso tutti i migliori pezzi del 45 e del nuovo 51.1 e in qualche modo li hanno resi migliori. Un intelligente e voluminoso moderno family cruiser che naviga tanto bene quanto è bello. Brava Bénéteau!

Jochen Rieker, YACHT, GER
Il suo predecessore, l'Oceanis 45, aveva vinto l’European Yacht of the Year nel 2012 con un discreto margine. E ha dimostrato di essere un bestseller negli anni successivi. Quindi le aspettative erano davvero alte per il 46.1, ancora un disegno di Finot Conq. Il modello più nuovo della gamma cruiser di Bénéteau non ha deluso. Con un’ottima dotazione allround di prestazioni agili, ampio volume, grande flessibilità e look accattivante ha battuto facilmente il suo stesso punto di riferimento e la concorrenza.
Jim Post, Waterkampioen, NED
Certo, il lusso riguarda dimensioni, materiali pregiati e bell'aspetto. Per il Sunbeam 46.1 questi valori non sono abbastanza. Il cantiere austriaco ha realizzato un cruiser pieno di esperienza e artigianato. Alcune delle sue caratteristiche sorprendenti e dettagli costruttivi rimangono invisibili alla vista, ma si possono sperimentare i loro benefici - come, per esempio, la completa assenza di rumori e cigolli con mare formato. Questo yacht raffinato è costruito per durare a lungo ed è stato sviluppato per l’armatore molto esigente.

Axel Nissen-Lie, Seilmagasinet, NOR
Sunbeam has chosen thoughtful proven solutions for design and technology. The boat is simply a strong all-rounder built to take care of sailors. The arc makes the cockpit safe. The interior is made for living on board for a long time, also at sea. Dimensioning and material selection is top quality. The yard has not taken any chances. This is a boat for sailors who will not take chances. A safe choice.

Sunbeam ha scelto soluzioni collaudate per design e tecnologia. La barca è semplicemente un robusto tuttofare costruito per prendersi cura dei velisti. Il rollbar rende il pozzetto sicuro. L'interno è fatto per vivere a bordo a lungo, anche in mare. Il dimensionamento e la selezione dei materiali sono di prima qualità. Il cantiere non ha corso rischi: questa è una barca per velisti che non rischiano di correre rischi. Una scelta sicura.

Roland Duller, YachtRevue, AUT
Una barca molto bella e di alta qualità, che mostra la perfezione sotto ogni punto di vista, soprattutto in termini di spazio e soluzioni. Atmosfera piacevole in coperta e sotto. Buon comportamento a vela con venti leggeri e forti.

Loic Madeline, Voiles & Voiliers, FRA
Forse non è la più sexy delle tre nominate, né la più innovativa. Ma il Sunbeam 46.1 è di gran lunga la più completa e versatile in gara. Una barca costruita molto seriamente su cui poter contare. Uno yacht dove puoi entrare nei dettagli, guardare dietro i pannelli di legno, cercare sotto ai pioli e non trovare errori. L'unico guasto durante il nostro test è stato quello elettrico all'avvolgitore del genoa, ma puoi fidarti che cantiere lo risolverà sempre. Una scelta intelligente per navigazioni blue water ed quipaggio che vogliono vivere a bordo.

Pancho Pi-Suñer, Nautica y Yates, ESP
Il Sunbeam 46.1 offre più del lusso: fornisce il valore dell'affidabilità e giustifica il suo prezzo in ogni dettaglio di tecnologia e artigianato, consentendo al tempo stesso flessibilità agli armatori quando scelgono le specifiche della loro barca. Qui il lusso non è percepito a prima vista: è in un lavoro ben fatto, in spazi perfettamente dimensionati, in mobili solidi, durevoli e studiati e in assenza di concessioni al superfluo in favore di ciò che è utile per navigare e vivere a bordo in piena comodità e sicurezza.

Pasi Nuutinen, Vene, FIN
La nuova ammiraglia del cantiere può issare i suoi colori con orgoglio. Pur non essendo radicale, Sunbeam offre le principali aspettative di qualsiasi yacht di lusso: struttura robusta e affidabile, rivestita con materiali pregiati e una finitura raffinata. Un'atmosfera di sollennità è presente in ogni angolo dello yacht. Le cabine sono spaziose e ben organizzate per lunghe crociere. Il salone è abbastanza accogliente per amici e parenti e può essere utilizzato anche per i partner commerciali. La dispensa e le cucine sono dotate di standard di alta qualità. In cima a tutto ciò piacevoli caratteristiche di navigazione in un pozzetto ben riparato. Quindi non c'è davvero nulla da lamentarsi.

Lori Schüpbach, Marina.CH, SUI
Con il Sunbeam 46.1 il cantiere austriaco presenta una nuova ammiraglia che non sembra particolarmente spettacolare a prima vista, ma a un esame più attento è convincente con molte soluzioni ben congegnate. Inizia a prua con la funzionalità del bompresso integrato, continua sul ponte verso il rollbar (sicurezza!), e nell'ampio pozzetto con le due postazioni di guida, infine a poppa con un piccolo prendisole, un sacco di spazio e la piattaforma da bagno elettricamente abbassabile. Conclusione: il Sunbeam 46.1 è un concentrato di successo di know-how ed esperienza.

Joakim Hermansson, BatNytt, SWE
Mobili e finiture in legno in tutti i dettagli sono la firma del Sunbeam 46.1 e ci ricorda che il cantiere era nato come una falegnameria. Questa bellezza austriaca è abbastanza slanciata da avere una superficie bagnata piuttosto ridotta, insieme a una profonda chiglia di piombo e 115 metri quadrati di superficie velica di bolina. Questa combinazione promette una bella navigazione.

Morten Brandt-Rasmussen, Bådmagasinet, DEN
Non c'è dubbio che rollbar aggiunga valore alla funzionalità del pozzetto, in parte perché il circuito della randa è più lontano, in parte perché l'equipaggio troverà sempre un riparo sotto di esso. Negli interni la barca è allo stesso tempo moderna e convenzionale.

Alberto Mariotti, Vela e Motore, ITA
Il cantiere lo definisce una sportiva barca di lusso per lunghe crociere e, nel nostro test, ha dimostrato di eccellere tanto nelle prestazioni quanto nelle qualità di costruzione e comfort. Contrariamente a molti concorrenti, il Sunbeam 46.1 ha una singola pala del timone, più grande della media e sezioni di poppa meno estreme. Queste qualità insieme al particolare spigolo di prua che aggiunge volume alla cabina del proprietario favoriscono le prestazioni di navigazione e un ottimo feeling al timone.

Toby Hodges, Yachting World, GBR
Il miglior Sunbeam che ho visto fino ad oggi e uno splendido yacht da crociera a tutto tondo. Potrebbe essere adatto a una coppia di velisti per navigazioni blue water o essere ugualmente utilizzato per ka crociera nel Mar Baltico o nel Mediterraneo con un comfort di prima classe. Naviga molto bene, offre al suo equipaggio una protezione adeguata e una costruzione e finitura di alta qualità.

Jochen Rieker, YACHT, GER
Ottenere uno yacht di lusso in quasi ogni aspetto è un compito arduo. Sunbeam lo ha fatto con il suo nuovo 46.1. Potrebbe non essere così appariscente come altre moderne imbarcazioni di lusso, ma riesce a compensare facilmente con la serietà del suo approccio. La costruzione solida e il pensiero pratico prevalgono sulle caratteristiche estetiche.
Jim Post, Waterkampioen, NED
Dieci anni dopo il suo predecessore 430, il costruttore di barche svedese Arcona Yachts mostra di nuovo come creare una barca vincente. Arcona 435 ha forma di scafo e piano velico rinnovati, nel rispetto delle linee scandinave snelle e collaudate. Lo stile degli interni ha bisogno di un deciso aggiornamento, ma le capacità veliche di questo performance cruiser sono impressionanti. Buona velocità di navigazione in un modo molto semplice, esattamente quello che dovrebbe fare un performance cruiser.

Axel Nissen-Lie, Seilmagasinet, NOR
Controcorrente. L'Arcona 435 merita di vincere semplicemente perché naviga alla grande ma ha anche una qualità costruttiva elevata. Il cantiere mantiene i suoi valori fondamentali e non raccoglie le tendenze di oggi. Mentre gli altri riducono i costi costruendo l'arredamento interno con angoli netti, Arcona lo fa nel modo tradizionale che impiega più tempo ma massimizza il volume. Il bordo libero contenuto fornisce linee eleganti e una maggiore prossimità agli elementi.

Roland Duller, YachtRevue, AUT
Il suo look sembo un po' antiquato ma combina grandi abilità veliche con tutti i comfort di cui hai bisogno per girare con la famiglia.

Loic Madeline, Voiles & Voiliers, FRA
A volte devi ascoltare il cuore. La scelta di quest'anno è stata davvero molto difficile nella categoria Performance Cruiser. E tutte e tre le barche in gara potevano rivendicare la vittoria. Veloce, vivace e piacevole da timonare. Quindi cosa fa la differenza? Arcona 435 aveva qualcosa di classico insieme al bordo libero più basso tra le candidate. Ed è la barca che ci ha dato il miglior feeling al timone. Era molto facile da portare e molto veloce sull'acqua. Quindi le abbiamo perdonato la brutta rotaia autovirante davanti all'albero e la limitazione di altezza interna. A volte, devi ascoltare il cuore.

Pancho Pi-Suñer, Nautica y Yates, ESP
Arcona 435 sorprende per il suo comportamento in tutte le condizioni e andature. Si è dimostrata stabile, veloce, solida e con un layout di coperta efficace e un pozzetto ben pensato e organizzato. Chi è alla ricerca di un cruiser veloce con linee contemporanee, buone prestazioni e interni tradizionali e caldi, ha una magnifica opzione nell'Arcona 435.

Pasi Nuutinen, Vene, FIN
In poche parole: la migliore esperienza di navigazione nella categoria. Impressionante il modo in cui le prestazioni vengono mantenute a qualsiasi angolo al vento: dalla bolina stretta alle andature portanti la velocità è al di sopra della sua taglia. E si timona in punta di dita. Buona anche l’ergonomia del pozzetto: nessuno inciampa sull’altro e gli occhi sono sempre sul proprio compito. L'interno è in qualche modo antiquato, comunque. Per quanto riguarda lo stile, può essere considerato tradizionale. Tuttavia, la mancanza di spaziosità può essere perdonata, perché Arcona 435 offre così tanto divertimento.

Lori Schüpbach, Marina.CH, SUI
Il nuovo Arcona 435 sembra un po' datato, ma è uno yacht eccellente che offre molto divertimento in tutte le condizioni di navigazione. E che farà anche bella figura sui campi di regata.

Joakim Hermansson, BatNytt, SWE
Peso relativamente basso, poppa ampia e voluminosa, elevata stabilità e un piano velico ben adattato assicurano che l’Arcona 435 abbia prestazioni straordinarie. I tradizionali interni scandinavi con la più raffinata lavorazione in legno aggiungono una bellezza da renderla vincente, non solo agli occhi della giuria di EYOTY, ma anche sui campo di regata.

Morten Brandt-Rasmussen, Bådmagasinet, DEN
La barca naviga bene. È un vero performance cruiser in stile scandinavo. Andava bene di bolina, la sensazione al timone era buona, e il look era il classico scandinavo con un bordo libero e una tuga relativamente bassi. Sottocoperta molte finture convenzionali in legno e cuscini blu: una combinazione che ha ancora una grande folla di fan.

Alberto Mariotti, Vela e Motore, ITA
La categoria Performance Cruiser è stata una delle più combattute con solo tre barche in gara ma tutte molto competitive. L'Arcona ha vinto e non solo grazie alle sue eccellenti qualità veliche dimostrate durante le prove in mare. Tra i punti di forza del 435 ci sono infatti la sua ampia versatilità e la facilità con cui ottenere prestazioni eccellenti. D'altra parte, non mi convinceva del tutto per quanto riguarda lo stile degli interni, scelto dal suo proprietario, e alcune soluzioni sul ponte, come la rotaia del fiocco autovirante.

Toby Hodges, Yachting World, GBR
Questo Arcona è la prova che la pura gioia della vela vince quando si tratta di performance cruisers. Questa era una categoria molto compatta, specialmente contro l’X46, ma il feeling della maggioranza dei giudici era che Arcona premia di più il timoniere. Si tratta di un insieme elegante, senza fantasia, che ha uno stile molto conservativo, ma che offre una navigazione veloce e facile.

Jochen Rieker, YACHT, GER
La categoria Performance si è ampliata molto negli ultimi anni con sempre più barche nuove in grado di planare pienamente al lasco. Questa è un'emozione che Arcona 435 non offre. Si tratta di un performance cruiser più convenzionale. E così appare. Ma non sottovalutatela. Di bolina è una bestia. E si prende cura del suo equipaggio in un vento brezza più forte, sia in mare che in porto.
Jim Post, Waterkampioen, NED
Tra le altre cose, il salone e il ponte curvo e le prue inverse rendono l'Astea 42 un catamarano dall'aspetto moderno. Gli scafi e il ponte al centro offrono molto spazio in cui la lavorazione del legno è stata eseguita con precisione. In coperta l'Astrea 42 offre molto spazio per rilassarsi. Per essere un multiscafo è ancora una buona barca a vela. Decisamente un risultato.

Axel Nissen-Lie, Seilmagasinet, NOR
Un catamarano è una barca complicata - consideralo una casa estiva che naviga. L'Astréa 42 offre molte caratteristiche che funzionano bene insieme. È facile muoversi e mi piacciono particolarmente le soluzioni intorno alla postazione di guida, sopraelevata a dritta. C'è abbastanza spazio per settare le vele senza che il timone ne venga disturbato. Anche il pozzetto e il salone funzionano bene insieme perché l'apertura è aumentata. I catamarani da crociera hanno qualità veliche limitate, ma queste limitazioni sono meno del previsto a bordo dell'Astrea.

Roland Duller, YachtRevue, AUT
Offre una buona quantità di spazio e lusso sul ponte e all'interno, buone prestazioni di navigazione per uno yacht come questo e offre molti layout diversi.

Loic Madeline, Voiles & Voiliers, FRA
Qual è il piano? Il piano è quello di trascorrere il miglior tempo possibile su una barca per portare i tuoi amici e la tua famiglia. Quindi la scelta è ovvia: l'Astrea 42 è un'ottima barca per navigare al sole e godersi il mare. Approfitti di splendide viste ovunque e di un facile accesso al mare. Ci sono un sacco di prendisole per sdrairsi e tutta la privacy che puoi desiderare nella tua cabina. Sicuramente un'ottima scelta per le vacanze, ma con così tanto spazio che potresti davvero voler rimanere per sempre e vivere a bordo.

Pancho Pi-Suñer, Nautica y Yates, ESP
L'Astréa è un vero catamarano da crociera, che offre volume e razionalità e un esempio di equilibrio nella distribuzione dello spazio abitativo e nell'organizzazione delle manovre.

Pasi Nuutinen, Vene, FIN
Quanto a prestazioni, le nuove tendenze nel design sono positive. Più potenza grazie a un traingolo di prua più grande e una randa più alta: tuttavia, il vantaggio principale non è la velocità massima, ma un carattere migliore e più reattivo con venti deboli. I nuovi scafi con le prue inverse e più volume davanti favoriscono un comportamento più stabile e morbido sulle onde. Ed è tutto ciò che dovrebbe fare un catamarano. Il volume aggiunto è ben sfruttato per creare cabine più spaziose. Gli spostamenti tra le diverse zone della barca sono facili, e con tanti ambienti dedicati al relax all'interno, all'esterno e sulla parte superiore della barca sia la privacy che la socializzazione sono ben pensate.

Lori Schüpbach, Marina.CH, SUI
Fountaine Pajot è noto per le sue idee ben congegnate e armoniose. Il nuovo Astrea 42 integra il successo del Lucia 40 e porta ancora più spazio e comfort. In questo senso, nessun catamarano paragonabile può competere nella classe dei 12 metri. Il fatto che l'Astrea 42 abbia anche buone caratteristiche di navigazione è un altro punto con cui si distingue dalla massa.

Joakim Hermansson, BatNytt, SWE
Con la sue prue rovesciate, i finestrini oscurati e la caratteristica vettura leggermente inclinata l'Astrea 42 è senza dubbio il catamarano più alla moda in questo momento. E anche lei naviga bene, con virate e andature ancora più veloci di quelle che siamo abituati a sperimentare su catamarani di famiglia di queste dimensioni. Non c'è da meravigliarsi che i tempi di consegna siano di due anni.

Morten Brandt-Rasmussen, Bådmagasinet, DEN
The boat is perfect when you're in the harbor, or on the mooring with family and friends. It is the optimal swimming platform where you get the best of life close to the sea. In less dumpy conditions it will also sail well.

La barca è perfetta quando sei in porto, o all'ormeggio con familiari e amici. È l’ottima plancetta di dove si ottiene il meglio della vita vicino al mare. In condizioni meteo poco agitate naviga anche bene.

Alberto Mariotti, Vela e Motore, ITA
Qualità costruttiva, prestazioni e design sono i punti di forza che hanno permesso all'Astréa 42 di vincere sui suoi agguerriti rivali, un piccolo e veloce trimarano acrobatico e uno dei rari catamarani da 10 metri per la crociera pura. Rispetto al modello che lo precede nella gamma (Lucia 40), questo 42 piedi ha uno spazio interno più ampio con cabine che beneficiano maggiormente dell'aumento delle dimensioni - un vantaggio che sarà apprezzato sia dai proprietari privati sia da coloro che lo affittano da società di charter.

Toby Hodges, Yachting World, GBR
Uno yacht tutto volume e comfort, l’Astrea è un cat decisamente bello e moderno che raggiunge quel delicato equilibrio di attirare sia per gli armatori privati che il charter. Lo studio Berret-Racoupeau è maestro nel creare il massimo spazio per la lunghezza e il 42 ne ha a volontà dove lo vuoi, tra cui il pozzetto di poppa e le cabine - ma il volume non sembra aver influito eccessivamente sulle sue prestazioni e sui movimenti.

Jochen Rieker, YACHT, GER
L'Astréa 42 è l'ennesimo caso in cui Fountaine-Pajot è alla ricerca di catamarani da crociera migliori, più eleganti e più completi. Mentre centra pienamente l’obiettivo in termini di versatilità e comfort, sembra aver perso parte dell'agilità dei precedenti progetti. Anche con il sartiame in carbonio e le vele in membrana non era molto reattiva nelle arie leggere. Ma in termini di spazio, interni e layout del ponte non c'è praticamente scelta migliore sul mercato in questo momento.
Jim Post, Waterkampioen, NED
Questa piccola barca si sta facendo strada tra i limiti artificiali di diverse discipline. A parte il punto di vista ambientale, la combinazione di vela e canottaggio sul Lite XP offre un grande divertimento. Si comporta molto bene e insieme alle sue dimensioni, peso e pescaggio variabile apre nuovi orizzonti. Su questa barca pronta all'uso puoi definire la tua interpretazione di avventura in barca.

Axel Nissen-Lie, Seilmagasinet, NOR
Il Lite XP è costruito come una barca a remi con rifugio e vela. Non sono in grado di giudicare le caratteristiche del canottaggio, ma lo scafo leggero rende la navigazione straordinaria. Ho navigato più veloce con questa barca che con una qualsiasi delle altre barche nominate. Con 15-17 nodi di vento abbiamo raggiunto facilmente velocità fino a 13 nodi. La barca è stretta e la chiglia è leggera, tuttavia la forma dello scafo aiuta a tenerla piatta durante la planata. L’attrezzatura è super semplice senza boma, senza fiocco. Abbiamo persino virato con il gennaker su.

Roland Duller, YachtRevue, AUT
La barca progettata da Sam Manuard sembra uno skiff ed è divertente da navigare. E se non c'è vento, non hai nessun problema: ti limiti a remare. Davvero speciale

Loic Madeline, Voiles & Voiliers, FRA
Quando si tratta di yacht speciali, nulla può battere il Lite XP. Lungo solo 6 metri, è fatta apposta per lunghi raid come il Race 2 Alaska per il quale è stata originariamente progettata. La superifice velica potrebbe sembrare molto piccola ma è stata una delle barche più veloci che abbiamo provato quest'anno. Non c'è il motore, ma puoi davvero remare con molta efficienza. La costruzione molto leggera di questo yacht speciale è la chiave delle sue performance. Molto facile e molto veloce, anche durante la voga. La cabina piccola può ospitare due persone per una notte, ma è necessario aggiungere la tenda opzionale sul pozzetto se si pianifica una vera avventura.

Pancho Pi-Suñer, Nautica y Yates, ESP
Una barca davvero speciale per i marinai speciali, capace di portarti in qualsiasi angolo, piccolo porto o baia, vela o canottaggio, in cui passare la notte. Stabile, sicuro, veloce, ergonomico e facile da navigare, il suo DNA è l'avventura.

Pasi Nuutinen, Vene, FIN
Il concetto stesso è eccitante. Può una barca mettere un sorriso sui volti di esploratori, appassionati di fitness e velisti sportivi? Sì, lo testimonia il Lite XP, ed è una combinazione sorprendente per esigenze così diverse. Il pozzetto e la tuga sono abbastanza capienti per il comfort stile campeggio in due, come la barca ha già dimostrato durante la regata Race2 Alaska. Il suo albero in carbonio è leggero, facile e veloce da installare / rimuovere per il rimorchio. Nella modalità di voga, l'ergonomia mostra ai designer la visione dello sport. La barca plana con una buona velocità e poco sforzo, una grande caratteristica per il divertimento, ma anche un fattore serio nei viaggi più lunghi. Ma la cosa migliore è il talento di Lite XP con la vela. È semplice, sicuro, reattivo ed è veloce. Praticamente un pacchetto perfetto per riempire una giornata con endorfine.

Lori Schüpbach, Marina.CH, SUI
Se uno yacht merita il premio «Special», è sicuramente il Lite XP. La Race 2 Alaska è all'origine del concetto. In questa corsa avventurosa di oltre 750 miglia dallo Stato di Washington attraverso l'Inside Passage fino a Ketchikan, in Alaska, è ammessa qualsiasi tipo di barca, purché non disponga di un motore. Poiché le condizioni del vento lungo la rotta non sono sempre ottimali, il giovane yacht designer francese Sam Manuard ha concepito un mix tra yacht e barca a remi. E infatti: il bilanciamento ha avuto successo, il Lite XP è davvero divertente!

Joakim Hermansson, BatNytt, SWE
È una barca per il canottaggio? È una barca per la vela? Bene, è per entrambi, ugualmente divertente. E con un pescaggio di meno di dieci centimetri, con il timone e la deriva sollevati, il Lite XP può anche entrare negli arcipelaghi e baie più segreti. Se puoi accettare bassi livelli di comfort puoi anche dormirci per un paio di notti. Un natante veramente multiuso.

Morten Brandt-Rasmussen, Bådmagasinet, DEN
Light XP è francese quanto basta: è difficile trovare un buon posto per iniziare una descrizione. La barca è ideale per esplorare arcipelaghi, fiumi e fiordi che offrono acque protette. È stata testata con venti molto leggeri e fino a 15-17 nodi dove ha raggiunto velocità superiori a 12 nodi.

Alberto Mariotti, Vela e Motore, ITA
Se dovessi scegliere solo una barca da premiare sarebbe stato senza dubbio il Lite XP. Una barca a vela e a remi perfetta per esplorazioni lungo la costa, campeggio e vela in coppia. Progettato da Sam Manuard, la sua forza è la capacità di poter armare un paio di remi e continuare la navigazione anche in assenza di vento o in tratti di costa meno accessibili. Non è necessario essere un vogatore esperto. Una barca molto buona, solo un po' cara.

Toby Hodges, Yachting World, GBR
Una vittoria per il LiteBoat XP è una celebrazione del semplice piacere della navigazione. Questa barca per esplorazioni molto facile da portare inizierà a planare con una semplice brezza: è uno sballo da timonare ed è facile navigare velocemente. E i remi ti manterranno in forma ed eviteranno la necessità di un fuoribordo rumoroso e puzzolente. Una barca di nicchia, ma un’esecuzione davvero encomiabile di un design brillante.

Jochen Rieker, YACHT, GER
Puoi chiamarlo la risposta a una domanda che nessuno aveva ancora chiesto. Ma puoi anche innamorartene. Una cosa è certa: il Lite XP non lascerà nessuno intatto. Può anche conquistare i principianti perché è così facile da potare e anche veloce. Sì, ti divertirai ancora di più a bordo di RS Aero e a remare su una vere barca a remi, e inoltre risparmierai circa 10.000 euro in questo modo. Ma poi avrai due barche da portare con te e nessuna in cui dormire.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove