13 July 2022

9° Monaco Energy Boat Challenge: il futuro della propulsione nautica a Monaco

Ecco tutti i vincitori del 9° Monaco Energy Boat Challenge, dove progettisti e studiosi di tutto il mondo si sono rinuti per progettare insieme il futuro della propulsione nautica

La storia si ripete; cambiano solo i personaggi. Quasi 120 anni dopo il primo motoscafo meeting, Monaco è ancora una volta protagonista e spettatore di innovazioni rivoluzionarie con il 9° Monaco Energy Boat Challenge.

«Se Monaco vuole posizionarsi all'avanguardia nello yachting - ha detto il presidente di YCM, il principe Alberto II di Monaco -, il Principato deve sostenerne la trasformazione. Dobbiamo combinare i nostri sforzi e condividere i progressi tecnologici per raggiungere il nostro obiettivo».

Anche il vicepresidente YCM, Pierre Casiraghi, velista e fondatore del Team Malizia, ha ricordato l'importanza di ospitare questa tipologia di kermesse a Monaco, «essenziali per il futuro della nautica da diporto in quanto permette a tutti noi di sviluppare e scambiare idee». Un sentimento condiviso dal segretario generale YCM, Bernard d'Alessandri: «Il Monaco Energy Boat Challenge – ha detto è un’occasione unica in quanto riunisce professionisti e studenti di ingegneria da tutto il mondo. È senza dubbio uno dei modi migliori per contribuire alla prossima transizione. Monaco è stata la mecca dello yachting sin dall'inizio. Abbiamo la responsabilità di tendere a un approccio più eco-responsabile: per il nostro pianeta, per gli oceani e per le nuove generazioni».

Un crocevia internazionale

Trentotto squadre (21 nazioni) di cui 27 università suddivise in tre categorie (Classe Solare, Energia e Mare Aperto), hanno partecipato all’edizione di quest’anno compresi i nuovi arrivati ​​come gli indiani (Sea Sakhti) del Kumaraguru College of Technology, supportati dal comandante indiano Abhilash Tomy: «Sono così orgoglioso di vedere il mio Paese rappresentato a questo incontro. L’India – ha detto Tomy - sostiene nuove fonti di energia, in particolare legate alla mobilità. Molte iniziative si concentrano sull'industria automobilistica, ma non ancora nel settore della nautica da diporto. Spero che questi studenti tornino in India con la testa piena di idee perché almeno il 10% dei pescherecci in India potrebbero utilizzare la propulsione elettrica, ad esempio».

Era anche la prima volta che una squadra indiana prendeva parte un evento internazionale di motonautica. Anche Perù, Grecia, Cina, Indonesia e Canada hanno fatto il viaggio, ognuno determinato a presentare la loro soluzione e prototipo. Tutti hanno avuto la possibilità di competere l'uno contro l'altro in mare e condividere le conoscenze.

Quasi il 50% dei team ha adattato i propri progetti per ridurre al minimo i costi di trasporto e la loro impronta ambientale, mettendo alla prova tutta la loro ingegnosità su barche che possono essere smontabili, pieghevoli e in alcuni casi anche trasportabili in valigia, come il team Dubai Sailing Tigers.

Il Premio per l'innovazione è andato al team portoghese di Técnico Solar Boat (Classe Energetica). «Come risultato del lavoro sull'idrogeno - dice il presidente della giuria internazionale, Jérémie Lagarrigue, Ceo di EODev -, abbiamo visto vere innovazioni in questo campo, in particolare con Técnico Solar Boat, che ha sviluppato un sistema per la deumidificazione di idrogeno e gas che passano attraverso la cella a combustibile. Altre innovazioni sorprendenti mettono in evidenza l'eco-design utilizzando bambù, fibra di lino e PET riciclato su motori che sono ancora imballati».

I vincitori del 9° Monaco Energy Boat Challenge

Il Monaco Energy Boat Challenge è quindi sinonimo di progresso e prestazioni. Nella Classe Energetica hanno vinto gli italiani su UniBoat (Italia), mentre nella Classe Solare il Sunflare il Solar Team (Paesi Bassi) ha vinto di nuovo dopo la vittoria nel 2021.

Nella classe Open Sea, sono stati i britannici di Vita Lion ad aggiudicarsi il trofeo.

- Premio per l'innovazione del Credit Suisse per l'ingegno e l'originalità: Técnico Solar Boat – Instituto Superior Técnico (Portogallo)

- Premio Best Tech Talk per la comunicazione della conoscenza e lo sviluppo innovativo:

Uniboat – Università di Bologna (Italia)

- Premio Nuova Generazione per il team il cui progetto è non solo il più fattibile ma anche innovatico: Aquon (Svizzera)

- Premio Eco-ideazione per il progetto che ha avuto il maggior impatto ecologico nel corso della vita del progetto: Physis PEB – Politecnico di Milano (Italia)

- Premio Comunicazione assegnato dal Comune di Monaco per la migliore strategia di marketing per promuovere il progetto: Sea Sakhti - Kumaraguru College of Technology (India)

- Coup de Cœur per l'espositore il cui progetto ha ottenuto il maggior numero di voti da parte di tutti i membri della Giuria: Simrad/Navico (Norvegia)

- Menzioni Speciali: Exocet – Montréal Polytechnic (Canada); Naylamp Uni – Università Nazionale di Ingegneria Perù (Perù) sia in Classe Energetica che Neocean (Francia) in mostra.

L’appuntamento è al prossimo anno e al 10° Monaco Energy Boat Challenge, che si terrà dal 5 all'8 luglio 2023. Prima i professionisti dello yachting si riuniranno per il 2° Monaco Smart & Sustainable Marina Rendezvous (25-26 settembre 2022), il focus è sulla costruzione di un futuro dello yachting carbon free non solo per le barche, ma anche per infrastrutture e strutture per ospitarli: in altre parole, porti turistici virtuosi.

I video di Vela e Motore

Guarda tutti i video di Vela e Motore >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime prove